Ricetta Taralli sugna e pepe

Primo piano taralli sugna e pepe

Taralli sugna e pepe

I taralli sugna e pepe (in dialetto taralli ‘nzogna e pepe) sono degli snack tipici della Campania realizzati con un impasto a base di farina, lievito, mandorle, sugna, sale e pepe. In genere sono ottenuti da un impasto intrecciato (a 2 o 3 cordoncini di impasto) e possono assumere forma circolare o allungata. Nella tradizione napoletana si trovano nei vari chioschi  situati per la città e gustano accompagnati da birra fredda mentre si passeggia sul lungomare di Napoli… non male come immagine eh? Questi taralli li ho realizzati ad aprile 2012… perché li pubblico solo ora? Beh, da aprile l’estate è arrivata presto e pubblicare in estate una ricetta che prevedesse l’accensione del forno e una sensazione di caldo dovuta all’effetto del pepe nell’impasto… mi sembrava poco consono… così lì è rimasta fino a quando non ho rivisto le foto e mi è venuta voglia di pubblicarli, oltre che di rifarli!!! Meglio tardi che mai… ecco i miei taralli sugna e pepe!

Ingredienti per circa 16 taralli misti:

– 400 gr di farina 00
– 100 ml di acqua tiepida non bollente o comunque quanta se ne assorbe
– 150 gr di sugna (strutto, per intendersi)
– 1 cubetto di lievito di birra da 25 gr (dimezzate la quantità in estate)
– 2 cucchiaini di sale
– 2 cucchiaini di pepe macinato
– mandorle (io mandorle Eurocompany)

Preparazione:

Mettere la farina a fontana in una ciotola

Farina nella ciotola

Prendete la sugna e gli altri ingredienti

Sugna

Aggiungete la sugna, il lievito, il sale e il pepe Aggiunta sale, pepe, sugna e lievito

e iniziate a versare acqua tiepida non bollente

Aggiunta acqua tiepida non bollente

Fate sciogliere bene il lievito nell’acqua tiepida quindi iniziate ad impastare

Preparazione impasto per taralli

Trasferite quindi l’impasto su una spianatoia (io ho usato la pala di legno per infornare le pizze!) e continuate a lavorarlo tagliandolo di tanto in tanto con un coltello

Impasto per taralli che viene lavorato

Lavorare l’impasto per una decina di minuti; deve risultare elastico ed omogeneo: formare quindi una palla e lasciarla riposare e lievitare per una mezz’oretta

Impasto per taralli a riposare

Riprendete l’impasto, ricavatene dei cordoncini di circa 1 cm di diametro

Cordoncini di impasto

Unite un’estremità e intrecciateli come se fosse una treccia

Cordoncini intrecciati

Potete tagliarli ogni 4/5 cm

Taralli allungati

e mettere due mandorle su ciascuno premendo bene affinché le mandorle restino “incastonate” dentro l’impasto durante la cottura

Aggiunta mandorle su taralli allungati

Altra forma classica dei taralli è quella circolare… partendo sempre dall’intreccio dei 3 cordoncini

Treccia di impasto

 Arrotolate il cordoncino su se stesso, tagliate le estremità e unite il cordoncino a ciambella premendo bene alle estremità in modo che non si aprano in cottura

Tarallo arrotolato

 Se risultassero troppo grandi (tenete presente che in cottura lievitano) potete crearne di più piccoli, sempre di forma circolare, con due cordoncini

Due cordoncini da intrecciare

Arrotolando i due cordoncini a spirale

Cordoncini arrotolati a spirale

Come per i taralli circolari con l’intreccio di tre cordoncini di impasto, arrotolate il cordoncino su se stesso, tagliate le estremità e unite il cordoncino a ciambella premendo bene alle estremità in modo che non si apra in cottura

Tarallo con intreccio a spirale

Come per gli altri taralli, anche su quelli circolari mettete qualche mandorla… coprite con la mandorla il punto di unione delle estremità del cordoncino

Aggiunta mandorle sui taralli

Lasciate riposare e lievitare un’altra mezz’oretta (1 ora in inverno) quindi passate alla cottura… io ne ho cotti un po’ su Pepita, la pietra da forno (previo riscaldamento della pietra in forno) e un po’ sulla classica teglia del forno (sembra incredibile ma la differenza si sente!)

Taralli sugna e pepe da infornare

Infornate a 150° per circa 30-35 minuti o comunque fino a quando sono dorati

Taralli sugna e pepe su pietra da forno

Lasciateli raffreddare

Taralli sugna e pepe a raffreddare

Quindi serviteli (caldi, tiepidi o freddi) con una bella birra fresca

Taralli napoletani sugna e pepe

Questi taralli si conservano per molti giorni se chiusi ermeticamente

Primo piano taralli napoletani sugna e pepe

Godeteveli con chi volete e come vi piace di più… al lago, al mare, per un picnic, un aperitivo, una passeggiata…

Particolare taralli napoletani sugna e pepe

Ricetta Taralli sugna e pepe
Vota questo post
Print Friendly, PDF & Email

Info per Ricetta Taralli sugna e pepe

Ricetta scritta da il
Tempo totale: minuti
Persone: 5
Inserita nelle categorie
Tag: farina, lievito di birra, mandorle, ricetta passo passo, taralli, taralli 'nzogna e pepe, taralli sugna e pepe

Cerca Ricette

Non hai trovato la ricetta che cercavi? prova a scrivere gli ingredienti qui sotto:

Lascia una recensione

6 Commenti on "Ricetta Taralli sugna e pepe"

Notificami
avatar
ita
Ospite

molto buoni

Barbara
Ospite

Semplicemente spettacolari: sono persino più belli di quelli che ho acquistato giorni addietro in panetteria, BRAVISSIMA!

Rossella
Ospite

Fatti! Sono DIVINI! Importante per chi li prova: attenzione a “incastrare” bene le mandorle nell’impasto; con la lievitazione in cottura tendono a cadere.

Giovanna Bianco
Ospite

Saranno sicuramente friabili e buonissimi. Ottimi.

Chiara
Ospite

Per me sarebbe lo spuntino ideale! Un bacione e buona settimana!

Simona
Ospite

Questi sono la mia passione! mi ricordano l’infanzia.. a Napoli sono un must! Buonissimi!!! Un bacione Dany:**

wpDiscuz