Ricetta Spaghetti con le telline

Particolare-presentazione-spaghetti-con-le-telline-450x298

Presentazione-spaghetti-con-le-telline-450x291

Poco prima di Natale, all’IPER, avevano un meraviglioso banco assortito del pesce… telline, fasolari, chioccioline di mare, cannolicchi, ecc. ecc… comunque appena ho visto le telline, ho esclamato a mia madre che era con me “Mamma, le telline!!!” ed il pranzo si è immediatamente trasformato dal previsto risotto con la zucca ai tanto agognati spaghetti con le telline... sono tornata a casa contenta, con il sacchettino di telline di 900 gr del valore di ben 15 euro (17,50 euro al chilo)!!!
Ne è valsa la pena, non solo perchè erano fresche e buonissime ma anche per una questione affettiva… il mio ricordo delle telline risale a quando da bambina, andavamo al mare a Marina di Grosseto e, semplicemente mettendo le mani nella sabbia, se ne trovavano tantissime .. all’epoca le aprivo e le mangiavo dopo averle trovate nella sabbia… bei tempi!!!

Per chi non sapesse cosa sono le telline: la tellina (Donax trunculus) è un molluscobivalve (come la vongola) dalla conchiglia più o meno triangolare e dalla forma appiattita; la parte anteriore è rotondeggiante e allungata di rispetto a  quella posteriore, tronca ed obliqua;  il bordo interno è dentellato sulla parte ventrale, ad eccezione delle estremità. Il colore esterno può essere bianco, giallastro, violaceo o brunastro con zone radiali più scure; l’interno è biancastro con ampie zone violacee. La tellina si nutre filtrando l’acqua e trattenendo, per mezzo di branchie a rete, piccolissimi organismi, particelle di detriti e particelle organiche in genere. Le dimensioni variano dai 2 ai 3 cm. Le telline sono una specie molto comune nel mar Mediterraneo e nel Tirreno, ma anche nel Mar Nero, nell’Atlantico orientale e nel Mar Rosso. La riproduzione avviene da novembre ad aprile e la pesca si attua  per mezzo di draghe da natante, rastrelli oppure draghe manuali.

Ingredienti spaghetti con telline per 3 persone

– 300 gr. di spaghetti
– 450 gr. di telline
– aglio
– olio
– peperoncino
– prezzemolo
– bottarga (opzionale)

Preparazione spaghetti con le telline

Mettere le telline in una zuppiera con acqua e sale per circa 3-4 ore in modo da far depositare la sabbia che si può essere accumulata, visto che le telline vivono nei fondali sabbiosi

Telline-a-spurgare-350x232

Preparare aglio, prezzemolo e peperoncino su un tagliere

Aglio-prezzemolo-e-peperoncino-sul-tagliere-350x291

quindi con un coltello o una mezzaluna preparare il battuto

Trito-di-aglio-prezzemolo-e-peperoncino-350x249

Mettere in padella il trito con abbondante olio

Trito-di-aglio-prezzemolo-e-peperoncino-nellolio-350x266

e farlo soffriggere delicatamente

Trito-a-soffriggere-nellolio-350x263

Aggiungete le telline sciacquate sotto acqua corrente (devono essere ben chiuse, altrimenti non sono più vive)

Aggiunta-telline-350x254

Alzare il fuoco sotto la padella e coprire con un coperchio; appena le telline si sono aperte spengerle (altrimenti si induriscono e si ritirano)

Telline-aperte-350x254

Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata quindi scolateli al dente e saltateli in padella con le telline facendoli insaporire, aggiungendo, se necessario, un filo di olio extravergine d’oliva a crudo

Spaghetti-saltati-con-le-telline-in-padella-350x273

Impiattate e servite guarnendo il piatto con del prezzemolo

DSC_2932

Spaghetti-con-le-telline-450x335

Buon appetito!!!

Primo-piano-spaghetti-con-le-telline-450x257

Per i palati più raffinati, grattare la bottarga sul piatto al momento di servire

Inquadratura-spaghetti-con-le-telline-450x299

0/5 (0 Recensioni)

Se ti piace condividi

Ricette con ingredienti di stagione

15 commenti su “Ricetta Spaghetti con le telline”

    1. Sì, per durare meno fatica vogliamo anche qualcuno che ci imbocchi? ;-)
      Comunque ciascuno in casa propria fa come crede meglio… e, quando sono fresche, a noi piace trovare vongole, cozze e telline con il guscio!

  1. LUIGI DEL CASTELLO

    TUTTO quasi esatto il prezzemolo non metterlo a inizio cottura e non tritarlo può diventare amaro e nero, alla fine della cottura prima della pasta e in foglie… L’aglio non tritarlo lasciarlo intero magari un pò schiacciato e farlo rosolare prime della cascata di telline nel contenitore padella meglio se una pentola bassa e larga. Cotta la pasta meglio al dente colarla dolcemente in modo da conservare un po di acqua di cottura il tuttomesolarlo tanto de dere il colore ed il sapore a tutto tenendo presente che il peperoncino può stordire il sapore delle telline, il pepe lo esalta . impattate e spargete prezzemolo trito e pepe al momento di servire .CHI VI SCRIVE PER STUDIARE DA CHEF EXECUTIV SUI TRASATLANTICI FIN DALL’ETA DI 17 ANNI AD OGGI CHE NE HO 72 E SONO IN PENSIONE DALL’ETà DI 8 ANNI ANDAVO COL NONNO PER CALAMARI VONGOLE E TELLINE IN QUEL GOLFO DI SALERNO.

    1. Grazie Luigi di tutti i consigli… farò tesoro della tua grande esperienza che hai voluto condividere con tutti i lettori e con me! Ne sono davvero onorata! E grazie di averci raccontato di te… mi ha stupito molto il fatto che non hai giudicato ma dato consigli da esperto e raccontato in poche righe 50 e passa anni di esperienza nel settore!

  2. roberto fortini

    metteteci tutto quello che volete, ma la cosa piu importante sia per gli spaghetti alle vongole che per le telline è SPAGHETTI TRAFILATI IN BRONZO. ingrediente primario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su