Ricetta Piedi di maiale con cavolo verza

piedi-di-maiale-con-cavolo-verza

particolare-presentazione-piedi-di-maiale-con-cavolo-verza

Una ricetta non proprio leggera anche se i piedi di maiale sono adeguatamente sgrassati… ottima nelle giornate fredde invernali!!! E poi tutto il maiale si sposa benissimo con il sapore della verza… nel brodo si può buttare anche una manciata di riso e fare primo e secondo piatto con contorno!!

Ingredienti per 3 persone:

– 3 piedi di maiale

– 1 cavolo verza medio

– 1 spicchio d’aglio

– peperoncino

– sale

 

Preparazione: 

Prendete i piedi di maiale, tagliateli a metà e sbruciacchiateli sul fornello in modo da eliminare eventuali peli rimanenti

piedi-di-maiale-sbruciacchiati

Far bollire i piedi di maiale in una pentola capiente 

piedi-di-maiale-a-bollire

Quando l’acqua è ritirata (circa 20 minuti) buttare l’acqua grassa di cottura rimanente e rimettere a bollire con acqua pulita bollente fino a che i piedi non sono cotti. Se l’acqua risultasse ancora troppo grassa ripete l’operazione rimettendo a bollire con acqua pulita bollente. A questo punto togliere i piedi di maiale dall’acqua e metterli in un piatto. Non buttare questa ultima acqua di cottura

piedi-di-maiale-cotti

Nel frattempo lavare il cavolo verza

cavolo-verza-lavato

Mettere il cavolo verza a cuocere nell’acqua di cottura dei piedi di maiale, regolando di sale e aggiungendo uno spicchio di aglio in camicia e un pezzetto di peperoncino

cavolo-verza-sbollentato

Quando la verza è quasi cotta aggiungere nuovamente i piedi di maiale e portare la verza a cottura

piedi-di-maiale-e-cavolo-verza-a-fine-cottura

Servire caldo… si può servire asciutto o più brodoso, con o senza pane arrostito sotto la verza

presentazione-piedi-di-maiale-con-la-verza

piedi-di-maiale-e-verza-nel-piatto

4.1/5 (9 Recensioni)

2 commenti su “Ricetta Piedi di maiale con cavolo verza”

  1. Sarebbe stato utile sapere il tempo complessivo per la cottura dei piedi di maiale. Dopo i primi 20 minuti ho buttato l’acqua grassa e messo la nuova ma poi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto