Ricetta Peperoncini piccanti ciliegia ripieni di tonno

peperoncini ripieni al tonno

Ricetta peperoncini piccanti ripieni. Premetto che a casa mia adoriamo tutto ciò che è piccante… tuttavia i peperoncini ciliegia (detti Baci di Satana) ripieni di tonno sono la mia passione più che di mia madre… spesso mi accompagnano nel fine pasto per chiuderlo con soddisfazione… e più fanno piangere (avete presente quei lacrimoni che scendono silenziosamente giù per il volto? Ecco quelli!!!) e più mi danno soddisfazione! In alternativa se non vi piace il piccante, potete provare ad utilizzare anche i peperoni ripieni sott’olio il sapore non vi deluderà. Durante la preparazione dei peperoncini ripieni non mi piace scottarli nell’aceto ma solo lasciarli a bagno per un paio d’ore… altrimenti diventano troppo acetosi ed io non amo le pietanze che sanno troppo di aceto!

Peperoncini ripieni di tonno

Ingredienti peperoncini ripieni

– 500 gr di peperoncini tondi piccanti detti anche Baci di Satana
– 200 gr circa di tonno sott’olio
– 1 manciata di capperi sotto sale
– aceto di vino
– sale
– olio d’oliva
– guanti in lattice
– vasetti sterilizzati

Preparazione peperoncini piccanti ripieni

Lavate e asciugate i peperoncini senza eliminare il picciolo

Peperoncini lavati e asciugati

Metteleli in una ciotola con aceto di vino e sale per circa 2-3 ore

Peperoni a bagno in aceto e sale

Nel frattempo mettete il tonno nel mixer con i capperi sotto sale precedentemente sciacquati sotto acqua corrente

Tonno e capperi nel mixer

Azionate il mixer fino ad ottenere una crema omogenea di tonno e capperi

Crema di tonno e capperi

A questo punto indossate dei guanti di lattice (non fate le splendide come me e mia madre o ve ne pentirete, visto il bruciore successivo!!), privateli del picciolo.

Peperoncini senza picciolo

e svuotateli all’ interno dei semi (foto improbabile ma l’altra mia mano era impegnata a fare la foto!!!!)

Peperoncino svuotato dei semi

Adesso, senza sciacquarli, asciugate bene i peperoncini con un panno pulito

Peperoncini puliti

Quindi farcite i peperoncini  aiutandovi con il manico di cucchiaino

Peperoncini ripieni sul tagliere

Mettete i peperoncini nei vasi

Peperoncini ripieni nei vasi

Ricoprire i peperoncini con olio d’oliva e riaggiungerlo via via che l’olio cala

Peperoncini ricoperti con olio d'oliva

Chiudere i barattoli ed aspettare minimo una settimana (meglio se 14 giorni) prima di consumare i peperoncini, controllando ogni tanto che siano sempre coperti d’olio…

Peperoncini piccanti al tonno

Buon appetito… tenete il vino (o l’estintore) a portata di mano! Fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate di questa ricetta di peperoncini ripieni.

Peperoncini ripieni al tonno

Peperoncini ripieni al tonno tagliati


Lo chef Matteo Ghigino per i peperoncini piccanti ripieni consiglia :

Buonissimi peperoncini, consiglierei di mettere 2 acciughe sott’olio e del pepe; così da marcare un sapore forte già di suo ma incrementando il sapore del tonno verso quello di mare!

4.6/5 (10 Recensioni)

45 commenti su “Ricetta Peperoncini piccanti ciliegia ripieni di tonno”

  1. Ciao a tutti!! io domani mi cimento a fare i peperoncini, in realtà volevo farlo già ora, ma non ho i guanti quindi meglio non rischiare (nonostante in casa siamo grandi amanti del peperoncino).
    Volevo fare una domanda: siccome a me non piace praticamente per niente l’aceto secondo voi è possibile farli ugualmente senza aceto? c’è qualche soluzione alternativa?? Grazie mille in anticipo.

  2. io li sto facendo adesso, anche io ho usato la tecnica della cottura in aceto, ma anche quella sotto sale e aceto mi pare buona, ma dopo sarebbe meglio fare il sottovuoto facendo bollire i barattoli, comunque, 4 kg per quest’anno possono bastare!! Buona conserva a tutti.

  3. Ottima ricetta, ho aggiunto solo un pò di acciughe. Grazie anche per il consiglio che non ho seguito ed ora ho la mano destra in fiamme. Grazie mille, baci!!!!

  4. Seguendo il procedimento a crudo temo che non si conservino allora se ho capito bene dovranno stare in aceto per due o tre ore con il picciolo e dopo saranno svuotati dei semi e asciugati e inseriti subito nei vasetti: non faranno la muffa?
    Pensavo di farli asciugare all’aria per una notte e poi invasarli il giorno successivo. Cosa vuol dire usare vasetti sterilizzati? Immersi in acqua bollente e per quanto tempo? e poi raffreddati? Grazie per i dettagli ma l’anno scorso li ho immersi nell’aceto già svuotati dei semi e quindi senza picciuolo e sono andati a male.

  5. Ho lavorato per 3 giorni, seguendo la ricetta di Giallo Zafferano. Spero che siano buoni e che si conservino. Comunque i suggerimenti che ho letto qui sono molto preziosi e ne terrò conto! :razz:

  6. Quando si e riempito il barattolo ci mettiamo i blocca verdure non so come si chiamano di preciso ma sono dei dischetti di plastica tondi da una parte sono schiacciati e dall altra hanno tipo 4 corni si appoggiano sopra alle verdure dalla parte piana in modo che quando si chiude il barattolo il coperchio forza sui corni e comprime il contenuto cosi non si rischia che rimangano scoperti dall’olio. Spero di aver fatto una cosa gradita ;-)by by io li amo da morire :grin:

    Viva i peperoni e chi li mangia…

  7. Ottima ricetta: la sto provando proprio adesso.
    Per i problemi di ribollitura attenzione ai giorni in cui si preparano: bisogna rispettare il calendario lunare per invasare, se no è più facile che vadano a male e non si conservino, anche se il procedimento seguito è corretto.
    Ciao a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto