Ricetta Pasta con sugo alla genovese (di cipolle)

Primo piano pasta con sugo alla genovese di cipolle

Pasta con sugo alla genovese di cipolle

Il sugo alla genovese è un sugo a base di cipolle e carne originario della Campania che io ho imparato a mangiare ed apprezzare sin da piccola grazie alla mia mamma di origine napoletana. La ricetta originale prevede l’utilizzo di carne di maiale e manzo tagliata a spezzatino; il mio babbo ha sempre preferito l’utilizzo della carne macinata e quindi ve la propongo con la carne macinata anziché con la carne tagliata a pezzi, di sapore è ottima in entrambi i modi ed il procedimento è ovviamente analogo.

In altre zone della Campania per la pasta alla genovese, si usano mettere gli odori come nel ragù di carne o una patata che viene schiacciata da cotta… nella ricetta di famiglia della mia nonna napoletana si fa così come ve la propongo, ovviamente voi fatela come preferite!

Ingredienti pasta con sugo alla genovese  per 4 persone

– 300 gr. di pasta corta secondo preferenza (mezze maniche, penne, paccheri/schiaffoni, tortiglioni, ziti spezzati)
– 300 gr di carne mista di maiale e manzo (macinata o tagliata a pezzi)
– 1 kg di cipolle bianche o dorate
– olio extravergine d’oliva
– sale
– vino bianco

Preparazione pasta con sugo alla genovese

Prendete le cipolle.. adesso un chilo vi sembrano tante ma quando si saranno consumate fino a divenire quasi una crema non sembreranno più tante

Cipolle dorate

Pulite le cipolle, affettatele finemente  e lavatele bene

Cipolle lavate e affettate

Nel frattempo prendete un tegame (ottimo il tegame di coccio con lo spargi fiamma…) dove farete scaldare l’olio extravergine d’oliva

Olio a scaldare nel tegame di coccio

Aggiungete quindi le cipolle lavate e affettate

Aggiunta cipolle nel tegame

Vedrete che le cipolle inizieranno a rilasciare la loro acqua di cottura

Cipolle che iniziano ad appassire

Coprite e proseguite la cottura per far appassire ulteriormente le cipolle

Cipolle appassite

Aggiungete quindi la carne macinata

Aggiunta carne macinata

Mescolate bene per far amalgamare la carne macinata alla cipolla

Carne macinata che cuoce con le cipolle

Piano piano le cipolle si consumano e si amalgamano con la carne macinata

Sugo alla genovese di cipolle in cottura

Proseguite la cottura per circa 2-3 ore, piano piano il sugo si consumerà

Sugo alla genovese di cipolle che si consuma

Quando il sugo inizia a consumarsi mescolate spesso in modo che non attacchi al tegame; aggiungete anche un po’ di vino bianco

Aggiunta vino bianco

Far evaporare il vino ed il sugo è pronto quando è diventato una specie di cremina omogena! Sentirete che profumino!!!

Sugo alla genovese di cipolle nel tegame

Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e saltatela in padella con il sugo di cipolle

Pasta saltata nel tegame con sugo cipolle

Impiattate e servite

Pasta con sugo alla genovese

Se servite questa pasta in dei tegamini di coccio… è la sua morte! 

Primo piano pasta con sugo alla genovese

Gustatela, se di gradimento, spolverizzata di parmigiano grattugiato!!

Particolare pasta con sugo alla genovese

Nella mia cucina:
Bicchiere Bormioli, piatti petali, vassoio bicolore 25 cm in terracotta acquistabili su Cis srl

Ricetta Pasta con sugo alla genovese (di cipolle)
4.8 (95%) 4 votes
Print Friendly, PDF & Email

Info per Ricetta Pasta con sugo alla genovese (di cipolle)

Ricetta scritta da il
Tempo totale: minuti
Persone: 4
Inserita nelle categorie
Tag: pasta con cipolle e carne, ricetta napoletana, sugo di carne con cipolle, sugo di carne e cipolle

Cerca Ricette

Non hai trovato la ricetta che cercavi? prova a scrivere gli ingredienti qui sotto:

Lascia una recensione

18 Commenti on "Ricetta Pasta con sugo alla genovese (di cipolle)"

Notificami
avatar
Piero Gaudiano
Ospite

Complimenti un piatto “semplice” ma difficile. Ho amici genovesi ma Mi hanno insegnato solo il Pesto. Domani la provo a fare.
Piero

Patrizia C.
Ospite

Semplicemente squisita!!!
Mi incuriosiva molto la tua ricetta, solo “genovese” di nome ma, come tu hai raccontato, di fatto è di origini campane e devo dirti che non sono rimasta delusa, anzi! A casa mia è stato un successone, tanto che penso di rifare a breve questo buonissimo sugo. Grazie, credo che lo consiglierò anche alle mie amiche!

Alessia
Ospite

Questa ricetta è spettacolare… complimenti.
Già fatta una volta e ho intenzione di rifarla !

Cinzia
Ospite

Io la preparo spesso ma con la carne a spezzatino ora voglio provarla così perché io alla genovese aggiungo sempre un paio di pomodori pelati naturalmente quelli fatti in casa e un pò di doppio concentrato anch’esso fatto con le mie manine troppo buona :)

Stefania
Ospite

Mio padre la faceva così… gliel’aveva insegnata un suo collega carabiniere… lui faceva prima rosolare bene il macinato poi copriva la carne con la cipolla bianca tagliata come indicato in questa ricetta, un pò di sale e abbondante pepe macinato al momento. Cuoceva tutta la mattina senza mai girarla se non alla fine, si inondava la casa di questo profumino delizioso.
ERA UNA COSA FANTASTICA!!!… non mi è mai riuscito di farla uguale. Mi si è sempre bruciata la carne! boh

Anna
Ospite

Ho 72 anni e abito in un piccolo paese del Salento. Mio nonno che studiava a Napoli alla facoltà di farmacia (nel lontano 1890 circa) portò la ricetta della carne alla genovese (con il latte) e della pasta alla genovese che al posto del vino usava il Marsala ; mia madre (figlia del suddetto nonno) la cuoceva sempre così, è ottima, provare per credere!!!! Saluti

Michele
Ospite

;-) Buonissima.

Gino Romano
Ospite

Genovese??? ma fatemi il piacere ! questa è pasta con la cipolla! è buona, buonissima, ma non è “‘a genuvesa”

nonna Maria (funiculì)
Ospite
nonna Maria (funiculì)

Guagliò, quando ero giovane, int’o’ vascio, sempre usai a padata int’0′ sugo mio !!!

Maria Rosaria Morrone
Ospite
Maria Rosaria Morrone
Nella mia famiglia, di origine napoletana (cognome materno Sollazzo!) c’è una variante della pasta alla genovese che potrebbe sembrare eccessiva ma che, vi assicuro, non è niente male. Fermo restando il procedimento di cottura e gli ingredienti della Vs ricetta, noi mettiamo un pezzo intero di vitello, esattamente il girello o lacerto di spalla, più umile ma più adatto alla lunga cottura ed aggiungiamo un paio di pomodori pelati per aumentare il colore ambrato, la nostra variante sta nella pasta. Si lessano molto al dente penne di ottima qualità, (quasi crude) e si “aggiustano” nella teglia che poi andrà in… Leggi il resto »
wpDiscuz