Insalata di polpo con patate e olive, ricetta estiva

L’insalata di polpo con patate e olive è un’insalata fredda di pesce molto gustosa che può essere consumata come antipasto o come secondo piatto con contorno. Il vantaggio dell’insalata di polpo e patate è che si può preparare in anticipo (es. il giorno prima per il giorno dopo) e che il giorno dopo il polpo all’insalata si sarà insaporito e di conseguenza sarà ancora più buono.

Insalata-di-polpo-e-patate-con-olive-450x326

Ovviamente il segreto del polpo in insalata sta nella qualità degli ingredienti e nella cottura del polpo. Io ho scelto di cuocere il polpo senza odori, semplicemente nella sua acqua (un antico detto napoletano dice che “O purp se coce dint’alla’acqua soja”) utilizzando una pentola in ghisa smaltata.

Polpo-e-patate-in-insalata-con-olive-Citres-350x525

Mi capita anche di cuocerlo in pentola a pressione (quando ho furia) ma cotto nella sua acqua e senza alcuna aggiunta di sale si ottiene un polpo saporito, più croccante e dai colori più accesi. Insomma lo preferisco! Non abbiate paura di provare, il polpo in cottura tira fuori una quantità notevole di liquido (saporito, senza aggiunta di sale) che basterà per cuocerlo… e se proprio non bastasse potete aggiungere un bicchiere o due di acqua calda quando vedete che si asciuga troppo! Se invece decidete di farlo lesso utilizzando molta acqua, potete cuocere insieme le patate nella stessa acqua. Adesso passiamo alla preparazione del polpo con le patate.

Ingredienti insalata di polpo per 4 persone

– 1 polpo di circa 800 gr.
– 4 patate medie
– 1 manciata di olive nere (io olive al forno Citres)
– succo di 1 limone grande
– olio extravergine di oliva
– 1 spicchio di aglio
– prezzemolo
– peperoncino
– sale q.b.

Ti potrebbe essere utile

Preparazione insalata di polpo con le patate

Ecco la mia ricetta polpo con patate. Per prima cosa pulite il polpo: eliminate gli occhi e il becco, quindi svuotate la testa delle interiora. Ma se conoscete il pescivendolo… fate come me… fatevelo pulire da lui!

Polpo-pulito-da-cuocere-350x317

Prendere il polpo e mettetelo in una pentola (io casseruola tonda in ghisa smaltata linea Normandie della Ilsa) con un po’ di olio ma senza acqua (se vi fa sentire più tranquilli, magari perchè avete una pentola che non ha il fondo spesso, potete aggiungerne un bicchiere o due!)

Polpo-nella-pentola-in-ghisa-Ilsa-350x417
Polpo-e-liquido-dopo-10-minuti-di-cottura-350x477

Accendete il gas e coprite con il coperchio ed ecco il nostro polpo dopo 10-12 minuti: come potete vedere avrà rilasciato molto liquido che basterà per farlo cuocere!

Eccolo invece dopo 25 minuti di cottura

Polpo-dopo-25-minuti-di-cottura-350x264

Lasciate cuocere per circa 40 minuti… il liquido inizierà a ritirarsi, il polipo assumerà un colore rosso brillante, quasi caramellato. Lasciatelo raffreddare nella pentola coperta. Le fibre si inteneriranno ancora.

Polpo-cotto-senzacqua-350x269

Lavate bene le patate e mettetele a cuocere in una pentola piena d’acqua (o se preferite in pentola a pressione) leggermente salata

Patate-in-acqua-fredda-350x293

Fate cuocere per circa 40/45 minuti in pentola tradizionale o comunque fino a quando infilzando le patate con i rebbi di una forchetta, questi non incontreranno resistenza; in pentola a pressione occorreranno circa 10 minuti dall’inizio del sibilo

Patate-lesse-350x313

Sbucciate le patate,  mettete il polpo ormai freddo su un tagliere

Patate-sbucciate-e-polpo-sul-tagliere-350x525

Tagliate il polpo a pezzi e mettetelo in una pirofila o piatto da portata

Polpo-tagliato-a-pezzi-350x525

Tagliate a pezzi anche le patate, mettetele in una pirofila e conditele con olio extravergine d’oliva e prezzemolo tritato

Patate-a-pezzi-con-olio-e-prezzemolo-350x234
Polpo-tagliato-a-pezzi-da-condire-350x481

Spremete il succo del limone e preparate un trito di aglio e prezzemolo

Condite il polpo con con olio e limone e il trito di aglio e prezzemolo; lasciate insaporire per almeno mezz’ora

Polpo-condito-con-limone-olio-e-trito-di-aglio-e-prezzemolo-350x253

Unite polpo e patate insieme in una pirofila unica e mescolate bene per far insaporire;

Polpo-e-patate-nella-pirofila-350x418

Aggiungete anche le olive… queste al forno di Citres sono buonissime! Se non le trovate usate le olive di Gaeta!

Aggiunta-olive-al-forno-350x485

Fate insaporire almeno per un paio d’ore, meglio se almeno mezza giornata.. e il giorno dopo è ancora più buono!

Polpo-e-patate-in-insalata-450x300

Se di gradimento aggiungete un filo di olio prima di servire!

Insalata-di-polpo-e-patate-450x675

Buon appetito con questo bel piatto del polpo a insalata.

Questa ricetta viene trovata sui motori di ricerca anche con queste parole chiave: polpo in insalata con patate. insalata polpo e patate, antipasto di polpo,

Insalata-di-polpo-e-patate-con-olio-Gentili-450x675

Matteo-Ghigino

Lo chef Matteo Ghigino per il polpo con patate consiglia:

Come per la ricetta del polpo con i sottaceti anche in questa lo stesso consiglio: il polpo va bollito con un brodo leggero come indicato nella precedente ricetta; le patate sono più buone se saltate in padella dopo che sono state lessate fino a metà cottura; saltatele in padella con 50 gr di burro e una manciata generosa di prezzemolo tritato. In un lato del piatto preparate il polpo con le olive e dall’altra mettete le patate prezzemolate!

4.8/5 (10 Recensioni)

Se ti piace condividi

Ricette con ingredienti di stagione

25 commenti su “Insalata di polpo con patate e olive, ricetta estiva”

  1. Riguardo il tappo di sughero, qui una spiegazione molto interessante del perché è una bufala:

    worldwinepassion.it/cibo/cibo-e/tecnica/28/lutilizzo-del-tappo-di-sughero-per-ammorbidire-il-polpo-in-cottura.htm

  2. Io il polpo lo cuocio in pentola a pressione, con un cucchiaio di aceto e 2 di limone e poi lo lascio raffreddare nel suo brodo.

  3. @ Laura: io ho sempre sentito dire che quella del tappo di sughero è una bufala!
    @ Silvestro: in effetti quando cuocio il polpo in pentola a pressione abbondo sempre con l’acqua per paura che possa non bastare… ma se uno lo cuoce in pentola non a pressione, in effetti è meglio mettere meno acqua. Per pelle e ventose, come si vede bene dalle foto, ne ho tolte solo una parte… a noi infatti piacciono ma se io non avessi scritto di toglierle ci sarebbe stato qualcuno che, al contrario di te, avrebbe scritto che sono fastidiose alla masticazione … ognuno dice la sua ma siamo tutti diversi… e tutte le opinioni, a mio parere, sono giuste se soddisfano il palato. :mrgreen:
    Infine, per quanto riguarda il tuo commento… innanzitutto cerco di differenziare un po’ l’antefatto di ogni ricetta raccontando come è nata, da dove l’ho tratta, cosa ho cambiato, a cosa è collegata… ti assicuro che è noioso dire sempre la stessa cosa, anche un po’ scontata, in tutte le ricette “nelle ricette semplici (e non solo in quelle semplici) la qualità degli ingredienti è importante…”… ma se in una sola ricetta su 100 non lo scrivi stai tranquillo che in quell’unica ricetta, ci sarà il Silvestro di turno a commentare… :twisted:

  4. Mi pare che ci sia troppa acqua per bollire il polpo. Non sono d’accordo per togliere pelle e ventose: sono saporite. Quanto poi a saltare le patate con il burro… mah. Comunque non si dice la cosa fondamentale. In una ricetta così semplice, le materie prime devono essere più che eccezionali: polpo appena pescato, olio super.

  5. Ho sentito dire che per ottenere una cottura morbidissima del polipo basta un piccolo trucco: immergere nell’acqua, insieme al polipo, un tappo di sughero… e il polipo risulterà tenerissimo!!!!

  6. @ Franca: ormai noi lo cuociamo sempre nella pentola a pressione per comodità. Comunque tu, per tranquillità, cuocilo come di solito!!! In effetti a rileggerlo… 2 ore mi sembra un po’ eccessivo… :-)

  7. Mi ha incuriosito il fatto delle olive, e penso che la proverò.
    Solo che ho sempre saputo che più cuoci il polpo e più diventa duro.
    Per cui ho sempre cucinato un polpo di circa 1 Kg mai più di 1 ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su