Ricetta Gnocchi speck, rucola e scamorza

particolare-gnocchi-speck-scamorza-e-rucola-450x337

gnocchi-speck-scamorza-e-rucola-450x337

La ricetta gnocchi speck, rucola e scamorza, un semplice piatto ma molto gustoso, facile da preparare in casa.

Ingredienti gnocchi speck rucola e scamorza per 2 persone

– 250 gr di gnocchi di patate
– speck
– qualche foglia di rucola
– 1/2 scamorza
– latte q.b.
– cipolla
– peperoncino

Preparazione gnocchi speck rucola e scamorza

In una padella con olio mettere il peperoncino e la cipolla a soffriggere delicatamente

cipolla-a-soffriggere1-350x350

Aggiungere lo speck

aggiunta-speck-a-listarelle-350x350

Dopo pochi minuti aggiungere la scamorza a pezzetti (lasciandone alcuni per guarnire il piatto) e il latte

aggiunta-scamorza-e-latte-350x350

Coprite con un coperchio e fate cuocere lentamente…

scamorza-a-sciogliere-nel-latte-350x350

fino a che la scamorza non si è sciolta creando una crema omogenea

scamorza-sciolta-350x350

Nel frattempo pesate gli gnocchi e fateli cuocere in abbondante acqua salata

gnocchi-pesati-350x350

Scolateli e fateli saltare in padella con lo speck e la crema di scamorza

gnocchi-saltati-con-speck-e-crema-di-scamorza-350x350

Spengete il fuoco e aggiungete le foglie di rucola lavata

aggiunta-rucola-350x350

Impiattare e servire decorando con cubetti di scamorza e foglioline di rucola

gnocchi-speck-rucola-e-scamorza-nel-piatto-450x385

particolare-gnocchetti-speck-rucola-e-scamorza-450x337

particolare-gnocchetti-speck-rucola-e-scamorza1-450x337

0/5 (0 Recensioni)

Se ti piace condividi

11 commenti su “Ricetta Gnocchi speck, rucola e scamorza”

  1. Ho provato la ricetta e l’ho trovata davvero ottima,semplice e gustosa. L’ho fatta la prima volta ed è andato tutto benissimo. La seconda purtroppo è successo l’inconveniente della scamorza “appallotolata”, ma la soluzione è semplice e sono qui ad illustrarla per i problemi riscontrati anche ad altri. Si tratta unicamente dell’intensità della fiamma la seconda volta era troppo alta, quindi il problema è di facile soluzione, riprovatela e rimarrete stupiti :grin:

  2. SALVE RAGAZZI!
    La scamorza come tutti i formaggi, come molti di voi hanno giustamente fatto, va sciolta insieme ad un po’ di latte in modo tale da avere una crema senza grumi.
    Vi consiglio di provare questo modo, in modo tale che la prossima volta vi possa dare un risultato più a vostro piacimento:

    Sciogliete la scamorza a cubetti piccoli (non importa se fresca o affumicata) in 2 bicchieri di latte, un cucchiaio di panna un pizzico di pepe.
    Appena la scamorza comincia a sciogliersi frullare con un frullatore ad immersione in modo tale da avere una cremosità più omogenea, e girando di tanto in tanto per stemperare la stessa, e se possa sembrarvi troppo densa aggiungete un cucchiaio di latte freddo in modo da controllare la temperatura.

    Nella ricetta vi consiglio, allora, di aggiungere la ”crema di scamorza” all’ultimo quando saltate gli gnocchi…

    Fateci sapere, noi di ideericette siamo curiosissimi dei vostri test!!!

    GRAZIE A TUTTI!
    MATTEO
    :shock:

  3. @ Eugenio: a dire il vero non avevo preso una scamorza particolare… quindi non saprei che dirti se non ribadire…
    1. il latte va aggiunto prima perchè in effetti dopo che si è appallottolata non svolge più il suo scopo
    2. va fatta sciogliere a fiamma molto lenta e spento appena sciolto in modo da non fargli raggiungere mai una temperatura troppo alta che la faccia appallare
    3. puoi provare ad aggiungere un cucchiaio di panna o sostituire semplicemente con del brie, più delicato e sempre apprezzato… ci sono altre ricette con il brie sul sito…
    Strozzapreti con speck brie e radicchio rosso
    Topini porro pancetta e brie
    Risotto radicchio e brie
    Risotto porro e brie
    Spero di non aver rovinato il compleanno con la fidanzata, mi dispiacerebbe molto…
    4. Un consiglio (io non lo seguo mai, purtroppo e ogni tanto mi succede come a te)… per cene, pranzi ecc. mai sperimentare la ricetta al momento, l’ideale sarebbe avere il tempo di provarla prima… ;-)

    @ Silvia: mi ha i fatto morire dal ridere… grazie della tua allegria ed auto-ironia!! Io non riesco a stare a dieta… invidio la tua costanza e determinazione!

  4. Io sono a dieta, ma proprio dieta seria.
    Bhè per una volta me ne sono fregata e mi sono preparata questi gnocchi. Non so se ringraziarti o meno, perché adesso mi sono rimessa a dieta ma me li sogno anche la notte… TROPPO BUONI!!!

    Comunque per la cronaca a me la scamorza non si è appallottata, si è sciolta, ma in compenso mi vedo io sempre più appallotata…. :cry:
    Però ne valeva proprio la pena!!!

    Un abbraccio

  5. Ieri sera ho provato questa ricetta in occasione del compleanno della mia ragazza, ma ahimè, è successo come a Lucia…
    SI è APPALLOTTATA la scamorza!! :cry: :cry:
    Il sapore però era ottimo, quindi ci riproverò.
    Aggiungere piu latte non è servito, perchè la scamorza una volta appallottata non si era più sciolta.
    Potrebbe dipendere quindi dal tipo di scamorza.
    Poichè non sono esperto di formaggi, mi sapresti dire che “tipo” di scamorza serve?
    Oppure, in alternativa, che formaggio potrei usare?
    Grazie!

  6. Ciao Lucia.. mi spiace molto se a te la scamorza si è appallata… tuttavia, credo che il bello della cucina sia migliorarsi e non tanto dare giudizi affrettati su una ricetta o dare la responsabilità a qualcuno di una non riuscita… non credi?
    Beh, che ne dici se proviamo a pensare al motivo di questo “appallamento”?
    Potrebbe dipendere dalla qualità della scamorza (e quindi non dipendere nè da me nè da te) oppure da una fiamma troppo alta quando hai tentato di farla sciogliere… o poco latte (e quindi forse le mie indicazioni con “latte quanto basta” erano troppo vaghe)…
    Comunque una cosa è certa… la ricetta l’ho realizzata passo passo e si vede che si è sciolta… quindi o davvero nella realtà SI POTREBBE (al condizionale) SCIOGLIERE oppure io riesco a fare miracoli… ma allora forse non sarei qui, non credi?
    Un saluto e al prossimo commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su