Crostini con fave, Occelli in foglie di castagno e gelatina di vino Nero d’Avola

Crostini-con-fave-Occelli-in-foglie-di-castagno-e-gelatina-di-vino-Nero-dAvola-tagliere-ideericette-450x300

Crostini-con-fave-Occelli-in-foglie-di-castagno-e-gelatina-di-Nero-dAvola-tagliere-ideericette-450x631

Questi crostini di pancarrè con fave, Occelli in foglie di castagno e gelatina di vino Nero d’Avola sono un finger food veloce e buono da preparare in primavera, quando arrivano sulle nostre tavole le fave (che a Firenze chiamiamo baccelli confondendo così il contenuto con il contenitore). Mentre al mio bambino di poco più di 2 anni le fave piacciono tantissimo mangiate così, chicco dopo chicco, io non amo il sapore deciso e intenso delle fave crude mangiate “nature”. Lo sappiamo bene, le fave fresche si abbinano bene con pancetta, salame e salumi in genere e anche al formaggio (pecorino e formaggi stagionati in genere). Ed è con questi abbinamenti che generalmente le mangio… ma stavolta ho pensato di proporle sotto forma di finger food un po’ più particolare, approfittando delle gelatine di vino Scyavuru che avevo comprato quest’anno al Taste di Firenze. E così… fetta di pancarrè tostato, strato di gelatina di vino (ho scelto la gelatina di vino Nero d’Avola), qualche fava cruda e un po’ di occelli in foglie di castagno grattugiato a scaglie e… ho ottenuto un antipasto dall’abbinamento particolare, sfizioso e saporito.. un tripudio di colori, oltre che di sapori! In più ho rinnovato il mio fantastico tagliere personalizzato e tutto ciò ha reso la mia giornata felice… felice per le piccole cose!

Ingredienti:

– fette di pancarré, baguette o pane casareccio secondo disponibilità
– formaggio Occelli in foglie di castagno
– fave fresche
– gelatina di vino (io gelatina di vino Nero d’Avola)

Nella mia cucina:
– piano in ardesia rettangolare Ilsa

Preparazione:

Preparate il pancarrè, la gelatina e il formaggio

Pancarre-e-gelatina-sul-tagliere-350x450

Dividete le fette di pancarré a metà in modo da ottenere dei triangolini e fateli tostare appena su una bistecchiera o una griglia; nel frattempo sgranare le fave

Fave-sgranate-e-pancarre-tostato-350x514

Spalmare un velo di gelatina sul pancarré tostato

Pancarrè-tostato-con-gelatina-di-vino-Nero-dAvola-350x511

Distribuire le fave sui crostini

Pancarrè-tostato-con-gelatina-di-vino-e-fave-350x525

Terminate con una bella grattugiata di occelli in foglie di castagno a scaglie

Crostini-di-pancarrè-con-fave-Occelli-in-foglie-di-castagno-e-gelatina-di-vino-Nero-dAvola-450x300

[wpmoneyclick id=38742 /]

  l’antipasto è pronto! Io l’ho servito sul piano in ardesia naturale della Ilsa

Crostini-di-pancarrè-con-fave-Occelli-in-foglie-di-castagno-e-gelatina-di-Nero-dAvola-450x675

Buon appetito!

Crostini-di-pancarrè-con-fave-crude-Occelli-in-foglie-di-castagno-e-gelatina-di-vino-Nero-dAvola-450x651

Ricette similari

Info per Crostini con fave, Occelli in foglie di castagno e gelatina di vino Nero d’Avola

Ricetta scritta da
Tempo totale: minuti
Persone: 2
Inserita nelle categorie
Tag: baccelli, crostini, fave, fave fresche, gelatina di vino, ILSA, Occelli, Occelli in foglie di castagno, pancarrè

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami

Send this to a friend