Le caraffe filtranti per l’acqua del rubinetto

L’acqua è sempre un elemento di discussione attualissima, sia che si parli di inquinamento (al centro delle discussioni la plastica delle bottiglie d’acqua), sia che si parli di durezza dell’acqua dell’acquedotto, sia che si parli di acqua minerale o di acqua filtrata!

Ma se vogliamo ridurre il consumo di bottiglie di plastica, quali strade alternative abbiamo? Utilizzare acqua in vetro (ma pesa lo stesso anzi di più!) oppure utilizzare l’acqua del rubinetto. Le inchieste di Altroconsumo evidenziano che, diversamente da ciò che siamo portati a pensare, l’acqua del rubinetto è buona e sicura, forse più sicura delle acque minerali in vendita nei supermercati. Non entriamo nel merito di queste affermazioni, per parlare di ciò ciascuno di noi dovrebbe portare come evidenza empirica le analisi dell’acqua del proprio rubinetto e quelle di varie acque minerali. In questo articolo vogliamo invece parlare delle caraffe filtranti e della loro capacità di migliorare il sapore dell’acqua.

Il Ministero definisce la caraffa filtrante come “un dispositivo di filtrazione per acqua potabile non collegato a una rete idrica, dotato di una cartuccia filtrante e di un recipiente utilizzato per conservare l’acqua filtrata e dispensarla al momento del consumo. La cartuccia filtrante è generalmente un filtro composito costituito da carboni, resine e/o altri materiali, caratterizzata da una capacità nominale che definisce il massimo volume di acqua da filtrare. La filtrazione su cartuccia persegue gli effetti di modificare le proprietà organolettiche dell’acqua di origine, rimuovere altre sostanze potenzialmente presenti in tracce nell’acqua di origine e/o assicurare attività batteriostatiche”.

laica_caraffa_filtrante-1024x805

Al di là delle marche (Laica, Brita, kasanova, Coop, Bwt, Zephir, Bodyform, ecc.) e dei modelli, riassumendo, una caraffa filtrante è un recipiente dotato di due parti comunicanti tra loro tramite un filtro sostituibile. Sulla parte superiore della caraffa c’è un contatore che indica lo stato di usura del filtro.

Riempiendo la parte superiore della caraffa, l’acqua scende nella parte sottostante passando attraverso il  filtro che ne riduce la durezza temporanea (calcare), il cloro e i metalli quali il rame e il piombo. L’acqua si deposita così nella parte sottostante “filtrata” ed è pronta da bere o da essere utilizzata in altro modo (es. può essere gassata con un gasatore domestico o aromatizzata con succhi o estratti). Il filtro è costituito, in genere, da resine a scambio ionico e carbone attivo che inducono due processi chimici.

Processi chimici delle caraffe filtranti

La durezza dell’acqua si divide in due categorie: durezza permanente e durezza temporanea. La prima, diversamente dalla seconda, non influenza il gusto dell’acqua o il funzionamento degli apparecchi domestici. I filtri delle caraffe riducono la durezza temporanea dell’acqua ovvero vanno a ridurre le sostanze che alterano il gusto e l’aroma e la formazione di calcare. L’acqua filtrata ha così un sapore migliore e meno accumuli di calcare negli apparecchi domestici.

Questi processi avvengono attraverso due componenti dei filtri:

– la resina a scambio ionico riduce la durezza temporanea dell’acqua (causa del calcare) e la presenza di certi metalli pesanti come piombo, alluminio, rame, nichel, bario, cobalto e altri metalli

– il carbone attivo riassorbe cloro,  pesticidi e agenti inquinanti e impurità organiche, migliorando il gusto dell’acqua ed eliminando alcuni odori classici (come quello del cloro)

L’acqua di casa diventa così piacevole al gusto, senza il classico e fastidioso sapore di cloro, e con la riduzione di alcune sostanze.

Pregi difetti caraffe filtranti

Ma veniamo a pregi e difetti, elementi a favore ed elementi contro:

Perchè utilizzare una caraffa filtrante?

  • perché in Italia la qualità dell’acqua del rubinetto è già molto alta e sicura, tale da renderla potabile senza altri trattamenti, perché non utilizzarla se possiamo migliorarne il sapore utilizzando una caraffa?
  • per comodità: perché l’acqua del rubinetto che è sempre disponibile presso le nostre abitazioni
  • per risparmiare soldi, tempo e fatica: l’acqua del rubinetto costa molto meno di quella comprata (dalle 100 alle 1000 volte in meno!). Inoltre eliminare l’acquisto di acqua del supermercato consente il risparmio di una notevole quantità di tempo e fatica per il trasporto dei pesanti cartoni di acqua
  • per ridurre l’inquinamento: evitare di comprare l’acqua al supermercato implica un evidente risparmio sul consumo di plastica (pensate a quante bottiglie di acqua beviamo e quanto questo produca una enorme quantità di rifiuti)
  • Se pensiamo alla conservazione dell’acqua, l’acqua che esce dal rubinetto è forse conservata meglio di quelle acque minerali in bottiglie di plastica che, prima di arrivare al supermercato, vengono accumulate e stoccate per i periodi di alta richiesta, talvolta in depositi all’aperto sotto il sole.

Ed i punti deboli?

  • Le caraffe filtranti (può sembrare scontato dirlo) devono essere utilizzate solo su acqua già potabile per migliorarne le caratteristiche e il sapore e non devono essere utilizzate su acqua di pozzo o sorgente di cui non si conosce la potabilità. La caraffa con filtro ha un costo dai 15 a 40 euro e i filtri mensili (in confezioni da tre/quattro) costano dai 15 ai 25 euro… questa operazione, dal costo abbastanza contenuto, non può ovviamente essere paragonabile o confusa per sistemi “professionali” di filtraggio o “potabilizzazione”!
  • L’utilizzo delle caraffe al posto delle acque minerali non elimina completamente il problema dell’inquinamento poiché anche le caraffe e i filtri vanno smaltiti ma sicuramente è più facile smaltire un filtro consumato in un mese da tutta la famiglia piuttosto che la plastica accumulata in mese di consumo di acqua del supermercato. Inoltre le aziende si stanno sempre più orientando nella produzione di caraffe biodegradabili e filtri compostabili.
brita_caraffa-946x1024

Rispetto alle caratteristiche dei vari tipi di acqua, sarebbe interessante far analizzare l’acqua non filtrata del rubinetto (e non prelevata dall’acquedotto, dove sicuramente, prima di passare nelle tubature, è migliore!!!), l’acqua dello stesso rubinetto dopo essere stata filtrata (con filtri nuovi, a metà usura e a fine) e l’acqua imbottigliata di varie marche per poter fare qualche paragone in più sui vari tipi di acqua.

Prezzi caraffe filtranti

Se qualcuno è esperto di analisi chimiche e ha fatto qualche verifica in proposito o può darci qualche parere attendibile… saremo ben lieti di aggiungere le informazioni in questo articolo.

Video sulle caraffe filtranti

È meglio l’acqua in bottiglia rispetto a quella dell’acquedotto? Vale la pena utilizzare una caraffa filtrante? Facciamo chiarezza.

Ricette similari

Se ti è piaciuta Le caraffe filtranti per l’acqua del rubinetto condividila sui social.

Vota la ricetta

Le caraffe filtranti per l’acqua del rubinetto
4.6 (92.12%) 33 voti

Info per Le caraffe filtranti per l’acqua del rubinetto

Ricetta scritta da
Inserita nelle categorie
Tag: acqua, brita, caraffe, filtranti, laica, potabile
Subscribe
Notificami
guest
61 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giovanni

Oh mamma, scusate la dicitura giusta è: Per chi soffre di calcoli? :roll:

Giovanni

Una domanda a chi magari ne sa più di me: La caraffa filtrante riesce a ridurre il calcare presente nell’acqua? E’ adatta quell’acqua che soffre di calcoli? Un grazie a chi saprà rispondere con certezza ;-)

Tiziano

Salve Carla,
dopo tutte queste discussioni, caraffa si, caraffa no, aumento di sodio a causa delle resine fermo restando credo a livelli accettabili, per chi utilizza la caraffa per rendere più “dolce” e bevibile l’acqua del rubinetto e risparmiare nell’acquisto di bottiglie magari con l’accortezza di tenere pulito il filtro o metterla in bottiglie di vetro, si può affermare che la caraffa non è nociva?

Carla

Buongiorno
io sono laureata i chimica e mi occupo di analisi chimiche; non si può parlare senza dati analitici alla mano. Vi garantisco che le caraffe alzano il tenore di sodio perchè provviste di resine a scambio ionico. Alla signora che parla delle olive faccio notare che un iperteso non mangerà le olive se vuole seguire una dieta iposodica; viceversa l’acqua è un alimento indispensabile e assunto in grandi quantità costantemente.

Ioana Daniela

well well wel :roll: l. excuse me for writing in english but i can not write yet in italian. i bought one of those carafa and i am waiting to see the results. i am sorry to hear all this pro and contra because none of you have any proof that these system of filtring water is bad or good, so in the end all of you just put me in the fog. all i know if I want to have a clear water I must use some profesional filtring system until than i will use that decanter. ;-)

Giuseppe

Nella disperata ricerca di una soluzione al carovita, alla crisi che avanza ma soprattutto nell’impossibilità di trovare una soluzione a tanti e tanti problemi che mi affliggono, grazie ai vostri commenti ho deciso: “COMPRO UNA CARAFFA FILTRANTE” così fra batteri nitriti nitrati e sodio a gogò spero di farla finita nell’arco di qualche decina d’anni… hi hi hi hi :mrgreen:

Angela

Ho acquistato la caraffa Brita a metà giugno l’ho utilizzata e ogni mese ho cambiato il filtro. Il sapore dell’acqua filtrata non lo conosco bene perché, filtrata, la gaso con il gasatore. Gasata ha un buon spore. :razz: Solamente mio figlio la beve naturale e non lamenta alcun sapore cattivo. Appena filtrata la travaso nella bottiglia in vetro, non faccio scorte e conservo in frigo nella caraffa solo l’acqua che utilizzo per cucinare. La cosa interessante viene proprio adesso perché ho notato che cuocere la pasta nell’acqua filtrata non sporca la pentola che resta priva di macchie di calcare miste… Leggi il resto »

Enomis64

Ciao a tutti!
Vivo in Veneto ed è una questione interessante ma infinita, di chi possiamo fidarci?
Delle aziende produttrici di acque in bottiglia o delle aziende che producono le caraffe filtranti? Delle aziende sanitarie locali? Del mistero della salute pubblica? Dei miti e delle leggende metropolitane?
Penso semplicemente che mi “bevo” tranquillo la mia acqua filtrata mischiata a quella gassata dalla bottiglia, mi piace ed ho meno plastica per casa e ne lascio meno tra i rifiuti.
Buona acqua per tutti.

Gian

Dopo aver letto i vostri commenti…(e lanciata una monetina in aria) ho deciso di acquistare una caraffa e senza badare a spese mi sono fatto consigliare la migliore (..o la più cara?!?): seguo le indicazioni per l’attivazione corretta del filtro, butto via le prime 2 filtrazioni… e finalmente bevo la mia “Acqua Caraffa”: subito noto la maggiore limpidezza, quindi l’assaggio come se fosse un Dogliani d’annata… scivola in gola leggera ed infine attendo un secondo per giudicarne il gusto: dolciastra, decisamente, anzi troppo, mi ricorda l’acqua “sgasata” da giorni, poi un leggero “pizzicorino” alla lingua. Ora, ad un ora di… Leggi il resto »

Eugenio

Dopo aver letto tutti i commenti sono ancora piu’ confuso di prima, credo proprio che non prendero’ nessuna caraffa, continuero’ a bere acqua del “Sindaco” e qualche volta per far festa una bottiglia di bollicine.

Send this to a friend