Le caraffe filtranti per l’acqua del rubinetto

L’acqua è sempre un elemento di discussione attualissima, sia che si parli di inquinamento (al centro delle discussioni la plastica delle bottiglie d’acqua), sia che si parli di durezza dell’acqua dell’acquedotto, sia che si parli di acqua minerale o di acqua filtrata!

Ma se vogliamo ridurre il consumo di bottiglie di plastica, quali strade alternative abbiamo? Utilizzare acqua in vetro (ma pesa lo stesso anzi di più!) oppure utilizzare l’acqua del rubinetto. Le inchieste di Altroconsumo evidenziano che, diversamente da ciò che siamo portati a pensare, l’acqua del rubinetto è buona e sicura, forse più sicura delle acque minerali in vendita nei supermercati. Non entriamo nel merito di queste affermazioni, per parlare di ciò ciascuno di noi dovrebbe portare come evidenza empirica le analisi dell’acqua del proprio rubinetto e quelle di varie acque minerali. In questo articolo vogliamo invece parlare delle caraffe filtranti e della loro capacità di migliorare il sapore dell’acqua.

Il Ministero definisce la caraffa filtrante come “un dispositivo di filtrazione per acqua potabile non collegato a una rete idrica, dotato di una cartuccia filtrante e di un recipiente utilizzato per conservare l’acqua filtrata e dispensarla al momento del consumo. La cartuccia filtrante è generalmente un filtro composito costituito da carboni, resine e/o altri materiali, caratterizzata da una capacità nominale che definisce il massimo volume di acqua da filtrare. La filtrazione su cartuccia persegue gli effetti di modificare le proprietà organolettiche dell’acqua di origine, rimuovere altre sostanze potenzialmente presenti in tracce nell’acqua di origine e/o assicurare attività batteriostatiche”.

laica_caraffa_filtrante-1024x805

Al di là delle marche (Laica, Brita, kasanova, Coop, Bwt, Zephir, Bodyform, ecc.) e dei modelli, riassumendo, una caraffa filtrante è un recipiente dotato di due parti comunicanti tra loro tramite un filtro sostituibile. Sulla parte superiore della caraffa c’è un contatore che indica lo stato di usura del filtro.

Riempiendo la parte superiore della caraffa, l’acqua scende nella parte sottostante passando attraverso il  filtro che ne riduce la durezza temporanea (calcare), il cloro e i metalli quali il rame e il piombo. L’acqua si deposita così nella parte sottostante “filtrata” ed è pronta da bere o da essere utilizzata in altro modo (es. può essere gassata con un gasatore domestico o aromatizzata con succhi o estratti). Il filtro è costituito, in genere, da resine a scambio ionico e carbone attivo che inducono due processi chimici.

Processi chimici delle caraffe filtranti

La durezza dell’acqua si divide in due categorie: durezza permanente e durezza temporanea. La prima, diversamente dalla seconda, non influenza il gusto dell’acqua o il funzionamento degli apparecchi domestici. I filtri delle caraffe riducono la durezza temporanea dell’acqua ovvero vanno a ridurre le sostanze che alterano il gusto e l’aroma e la formazione di calcare. L’acqua filtrata ha così un sapore migliore e meno accumuli di calcare negli apparecchi domestici.

Questi processi avvengono attraverso due componenti dei filtri:

– la resina a scambio ionico riduce la durezza temporanea dell’acqua (causa del calcare) e la presenza di certi metalli pesanti come piombo, alluminio, rame, nichel, bario, cobalto e altri metalli

– il carbone attivo riassorbe cloro,  pesticidi e agenti inquinanti e impurità organiche, migliorando il gusto dell’acqua ed eliminando alcuni odori classici (come quello del cloro)

L’acqua di casa diventa così piacevole al gusto, senza il classico e fastidioso sapore di cloro, e con la riduzione di alcune sostanze.

Pregi difetti caraffe filtranti

Ma veniamo a pregi e difetti, elementi a favore ed elementi contro:

Perchè utilizzare una caraffa filtrante?

  • perché in Italia la qualità dell’acqua del rubinetto è già molto alta e sicura, tale da renderla potabile senza altri trattamenti, perché non utilizzarla se possiamo migliorarne il sapore utilizzando una caraffa?
  • per comodità: perché l’acqua del rubinetto che è sempre disponibile presso le nostre abitazioni
  • per risparmiare soldi, tempo e fatica: l’acqua del rubinetto costa molto meno di quella comprata (dalle 100 alle 1000 volte in meno!). Inoltre eliminare l’acquisto di acqua del supermercato consente il risparmio di una notevole quantità di tempo e fatica per il trasporto dei pesanti cartoni di acqua
  • per ridurre l’inquinamento: evitare di comprare l’acqua al supermercato implica un evidente risparmio sul consumo di plastica (pensate a quante bottiglie di acqua beviamo e quanto questo produca una enorme quantità di rifiuti)
  • Se pensiamo alla conservazione dell’acqua, l’acqua che esce dal rubinetto è forse conservata meglio di quelle acque minerali in bottiglie di plastica che, prima di arrivare al supermercato, vengono accumulate e stoccate per i periodi di alta richiesta, talvolta in depositi all’aperto sotto il sole.

Ed i punti deboli?

  • Le caraffe filtranti (può sembrare scontato dirlo) devono essere utilizzate solo su acqua già potabile per migliorarne le caratteristiche e il sapore e non devono essere utilizzate su acqua di pozzo o sorgente di cui non si conosce la potabilità. La caraffa con filtro ha un costo dai 15 a 40 euro e i filtri mensili (in confezioni da tre/quattro) costano dai 15 ai 25 euro… questa operazione, dal costo abbastanza contenuto, non può ovviamente essere paragonabile o confusa per sistemi “professionali” di filtraggio o “potabilizzazione”!
  • L’utilizzo delle caraffe al posto delle acque minerali non elimina completamente il problema dell’inquinamento poiché anche le caraffe e i filtri vanno smaltiti ma sicuramente è più facile smaltire un filtro consumato in un mese da tutta la famiglia piuttosto che la plastica accumulata in mese di consumo di acqua del supermercato. Inoltre le aziende si stanno sempre più orientando nella produzione di caraffe biodegradabili e filtri compostabili.
brita_caraffa-946x1024

Rispetto alle caratteristiche dei vari tipi di acqua, sarebbe interessante far analizzare l’acqua non filtrata del rubinetto (e non prelevata dall’acquedotto, dove sicuramente, prima di passare nelle tubature, è migliore!!!), l’acqua dello stesso rubinetto dopo essere stata filtrata (con filtri nuovi, a metà usura e a fine) e l’acqua imbottigliata di varie marche per poter fare qualche paragone in più sui vari tipi di acqua.

Prezzi caraffe filtranti

Se qualcuno è esperto di analisi chimiche e ha fatto qualche verifica in proposito o può darci qualche parere attendibile… saremo ben lieti di aggiungere le informazioni in questo articolo.

Video sulle caraffe filtranti

È meglio l’acqua in bottiglia rispetto a quella dell’acquedotto? Vale la pena utilizzare una caraffa filtrante? Facciamo chiarezza.

Ricette similari

Se ti è piaciuta Le caraffe filtranti per l’acqua del rubinetto condividila sui social.

Vota la ricetta

Le caraffe filtranti per l’acqua del rubinetto
4.6 (92.12%) 33 voti

Info per Le caraffe filtranti per l’acqua del rubinetto

Ricetta scritta da
Inserita nelle categorie
Tag: acqua, brita, caraffe, filtranti, laica, potabile
Subscribe
Notificami
guest
61 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco

Scusate ma il problema, secondo me, non è l’acqua che arriva in casa direttamente dalla rete, che è buona comunque , ma quando è costretta a passare da autoclavi come nel mio caso, in quanto abito al sud e per giunta al 3° piano.
Che ne pensate?
Voi non avete questo tipo di problema?
Grazie per l’eventuale risposta.
Ciao

Alex

Il punto è di non aspettarsi i miracoli, tutto qui. Io la uso da un po’ e mi trovo bene, in precedenza ho bevuto a lungo l’acqua del rubinetto senza filtrarla (più a lungo di quanto abbia bevuto quella in bottiglia). Daniele ha in parte ragione quando dice che molte sostanze potenzialmente nocive non vengono trattenute dai filtri di queste caraffe, chiaro che non mi rendono potabile l’acqua di fogna :shock: e neanche quella contaminata, ma qualcosa trattengono sicuramente. Allo stesso tempo è anche vero che alle case l’acqua arriva dopo determinati controlli (anche più accurati di quelli fatti sulle… Leggi il resto »

Dany - Ideericette

@ Mirko: mi fa piacere che qualcuno la pensi come me, senza pregiudizi né in un senso né in un altro… :-) mi hai fatto venire voglia di far fare un test della durezza ad una mia amica che lavora nel settore delle acque.. :-) @ Angela: non sono un medico ma credo per via delle quantità di sodio (Na+). Nell’alimentazione dei soggetti cardiopatici (e ipertesi) si consiglia infatti una dieta a basso contenuto di sodio poichè la pressione arteriosa (da cui dipende il sodio) incide sul rischio di cardiopatia. Ci sono infatti acque specifiche con basso contenuto di sodio;… Leggi il resto »

Angela

Ho appena aquistata una caraffa filtrante, nelle istruzione leggo che i cardiopaci prima di bere l’acqua filtrata devono chiedere al medico se possono berla.
Come mai?
Grazie.

Mirko

Concordo pienamente con l’articolo di Dany, io la sto utilizzando da anni insieme ai miei bimbi per bevande, cucina, ecc. e ne siamo soddisfattissimi. Senza dubbio migliora notevolmente il sapore dell’acqua ed elimina parte della durezza (basta comprare un kit per la durezza ed è facilmente dimostrato).
Ovviamente essendo un sistema a basso costo e ad alta resa, nonchè sempre più diffuso, sta cominciando a dar fastidio a molti… :smile:

Dany - Ideericette

@ Daniele: eheehehe.. era proprio quello che mi aspettavo.. delle fonti! ;-) Provocazioni a parte… nel mio articolo credo di aver messo ampiamente in evidenza non solo i vantaggi ma anche le criticità :shock: … io parto dal presupposto che la caraffa non rende potabile ciò che non è ma.. solo che migliora il sapore dell’acqua potabile! :mrgreen: E a me va benissimo così… poi ovviamente sono d’accordo con te che non è giusto vedere pubblicità ingannevoli… :evil: @ Anto: poi può anche essere che le caraffe servano ad arricchire chi le produce ma questo vale anche in molti altri… Leggi il resto »

Anto

Le caraffe servono ad arricchire chi le produce!

Daniele

1. FILTRI A CARBONE ATTIVO (articolo 5 altre disposizioni). Per i documentati rischi di proliferazione batterica e di rilascio incontrollato di microinquinanti, i semplici filtri a carbone attivo da soli non sono ammessi per il trattamento delle acque potabili. Se integrati, invece, con altri materiali o dispositivi atti ad eliminare gli inconvenienti da essi causati, rientrano fra quelli precedenti dispositivi a struttura composita) lampada U.V GERMICIDA, OPPURE ARGENTIZZATI, OVVERO A CONTROLLO BATTERIOSTATICO. LEGGE D.M. 443/90. Con ciò non voglio essere polemico, nè di parte, ;-) basta avere una minima cultura in materia, la proliferazione batterica può avvenire anche in luoghi… Leggi il resto »

Dany - Ideericette

@ Daniele: con tutto il rispetto per la tua opinione, mi sembra che essa rimanga tale considerato che non mi fornisci nessun dato valido a conferma di quello che scrivi (che in alcuni punti è anche poco chiaro)… ovviamente non metto in dubbio che il prodotto sia inferiore a quello di cui ti fai promore con il link Emme2….) ed io stessa nel mio articolo ho scritto che prendo la caraffa per quello che è… cioè un sistema per migliorare il sapore dell’acqua!!! Tuttavia la tua opinione mi sembra che possa essere molto di parte per i motivi detti sopra… Leggi il resto »

Daniele

:shock: la caraffa filtrante!! bhe certo vendono le acque minerali (classificate bevande) e non acque, possono vendere anche le caraffe filtranti!
che in buona sostanza peggiorano nettamente la qualità dell’acqua potabile, visto che le resine non servono quasi a niente il carbone ad eliminare il cloro?
che se lasciamo l’acqua in frigo con la caraffa aperta e gia’ evaporato, quindi senza l’utilizzo di nessun filtro.
Comunque dimenticavo, un ruolo importante c’e l’hanno!!!!!! regalano vitto e alloggio,che non e’ poco, a un sacco di batteri!? :mrgreen: fate voi! ma!

Send this to a friend