Il triangolo delle Bermude: l’esposizione

Eccomi ancora con una lezione piuttosto generale, ma fondamentale per ottenere belle foto di qualunque genere, non solo di cibo.
Potrebbe sembrare del tutto inutile parlare di esposizione, perché le fotocamere digitali hanno tutte programmi automatici che consentono di non pensare ad altro che a comporre la foto a piacimento e poi scattare, ma in realtà non è così. Come tutte le cose automatiche, funzionano in molti casi, ma sbagliano in altri. E’ quindi importante capire il funzionamento di questi automatismi per poterli utilizzare al meglio.
L’esposizione di una immagine è determinata dalla quantità di luce registrata dal sensore e tale quantità dipende da quanto è aperto il diaframma e da quanto tempo rimane aperto.

Cosa è il diaframma, lo abbiamo già visto: è il foro attraverso il quale passa la luce. Questa apertura varia da un minimo ad un massimo, e sarà tanto più grande, quanto più piccolo è il numero che la indica. Un diaframma f/1,8 sarà più grande di un f/22. E’ importante? Purtroppo sì, perché confondendo il grande con il piccolo, si ottengono risultati clamorosamente sbagliati e poi perché anche gli effetti creativi e compositivi sono molto diversi (e di questo parleremo).
L’altro elemento è il tempo, ma questo è intuitivo. Più tempo resta aperto l’otturatore, più luce passa. Ovvio. Semplice. Non c’è neppure da ragionarci.

Fra tempo e diaframma c’è una relazione stretta: non esiste una sola giusta esposizione, ma tante esposizioni possibili. Quindi, se imposto un diaframma di 5,6 e la macchina mi indica un tempo corretto per quella esposizione, io posso poi passare ad un diaframma più piccolo, come ad esempio 8, ed ottenere comunque una corretta esposizione aumentando il tempo. Anche questo è importante? Ancora devo dire di sì. La scelta creativa di una esposizione piuttosto che di un’altra, può rivoluzionare una immagine.
Nell’esposizione c’è un altro elemento da tenere presente. Abbiamo parlato di diaframma, di tempo, ma nell’esposizione entra in gioco anche la sensibilità degli ISO: non per nulla il titolo parla di triangolo delle Bermuda.

Quanto più alta è la sensibilità ISO, tanto più è possibile ridurre l’esposizione (cioè restringere il diaframma o diminuire il tempo). L’inconveniente è che tanto più alta è la sensibilità, tanto più grana e rumore appariranno sull’immagine, che dunque sarà molto meno nitida. Per questo, se non ci sono necessità particolari, come per gli scatti a bassa luminosità) è meglio impostare la minima sensibilità possibile, e disattivare gli ISO automatici.

Le macchine fotografiche sono dotate di un esposimetro, in grado di leggere la luce proveniente dal soggetto e calcolare un’apertura di diaframma e un tempo, tali da ottenere un’immagine “corretta”. Il problema è però che l’esposimetro calcola tempo e diaframma considerando che l’immagine inquadrata abbia una luminosità media. A dire il vero è un po’ complicato da spiegare… Pensate ad un cartoncino grigio, né troppo chiaro né troppo scuro: medio, appunto… L’esposimetro riporta tutta la scena inquadrata a quei valori di luminosità. Ora, se la scena contiene quei valori medi come valori principali (cosa che accade spesso) il problema non sussiste. Se invece i valori principali sono chiari o scuri, l’esposizione risulta sbagliata: l’esposimetro ridurrà i toni chiari al grigio scurendoli e lo stesso farà con i toni scuri, schiarendoli. Questo è il motivo per cui in automatico le scene sulla neve vengono troppo scure, ma anche quello per cui, tornando al cibo, uno sfondo bianco può risultare tristemente grigino, una bella panna montata può non essere così appetitosa, o quel bell’effetto ad alto contrasto di fragole rosse su fondo nero, in realtà viene smorto.

Con una reflex o una prosumer correggere questi problemi è semplice. Basta indicare alla macchina di fare un’esposizione diversa: in manuale si impone un tempo più lungo di quello indicato dall’esposimetro, oppure si imposta una diaframma più aperto e il gioco è fatto. Altrimenti si possono usare gli EV (quei segnetti + o – Leggetevi il manuale della macchina fotografica se non sapete cosa e dove sono!!!!!!).

Con il + si aumenta l’esposizione, cioè si fa entrare più luce;

con il – si diminuisce l’esposizione, cioè si ottengono foto più scure.

Quest’ultimo rimedio è possibile anche con le fotocamere compatte, perché di solito è previsto anche sulle più economiche. Altrimenti bisogna attuare dei trucchi per ingannare l’esposimetro. Se volete più luce nella foto, potrebbe funzionare l’espediente di inquadrare qualcosa di scuro, premere a metà il tasto per bloccare l’esposizione, poi spostare l’obiettivo verso quello che si vuole fotografare e scattare. La macchina così dovrebbe mantenere l’esposizione presa sull’oggetto scuro e far entrare più luce. Questo però va bene solo se così facendo non sbagliate la messa a fuoco! Un’altra possibilità potrebbe essere quella di impostare il programma per la neve: ho capito, siete in cucina con una torta alla panna e non sugli sci, ma in fondo non sono montagne innevate anche i pinnacoli fatti con la sacca da pasticcere? Provate, tanto il rullino non va sprecato.
Invece se volete una foto più scura potete provare a inquadrare un oggetto più chiaro e fare come descritto prima. Oppure il programma per i notturni, sempre se non scatta il flash.

Ci sono poi dei casi in cui l’esposizione è difficoltosa perché nell’immagine ci sono presenti zone di forte luce e zone di profonda ombra. Si tratta delle immagini ad alto contrasto in cui quasi inevitabilmente esporre per la luce rende nere le ombre e esporre per le ombre “bucia”, cioè rende bianche, le luci. In questo caso, in cui ci si può imbattere anche fotografando cibo se si utilizza la luce proveniente da una finestra o se fotografiamo all’aperto (come ad esempio per strada, nei mercati), un possibile rimedio è quello di usare il flash. Il flash avrà infatti il risultato di schiarire le zone in ombra diminuendo il “range dinamico” dell’immagine, cioè la differenza di diaframmi fra la corretta esposizione per le luci e quella per le ombre (vabbè, voi provate…). Oppure si può scegliere di fare una corretta esposizione per le luci o per le ombre, accettandone le conseguenze.

Nella foto delle fragole, ho esposto correttamente per le ombre (cioè le fragole). La conseguenza è stata quella di bruciare lo sfondo, ma, visto che è stata una mia scelta, fatta anche e soprattutto per avere uno sfondo completamente bianco, direi che in questo caso, la sovraesposizione generale può andare bene.

In via generale, però, è bene non sovraesporre le immagini al punto di bruciare troppo le luci. Il nostro cervello, che di solito è più intelligente di una macchina fotografica, è in grado di percepire i dettagli sia nelle luci che nelle ombre. La macchina fotografica (come abbiamo detto), no. Ma mentre il cervello non è disturbato dalle ombre scure, percepisce invece come un errore le luci bruciate dove invece dovrebbero esserci dettagli. La foto bruciata è quindi subito considerata sbagliata, mentre una foto con forti ombre nere è più accettabile. Perché? Non ne ho idea.
Ovviamente tutto quello che ho scritto è estremamente generico. Se vi è interessato, se volete approfondire, potete leggere un po’:

– Michael Freeman – Perfect Exposure: The Professional’s Guide to Capturing Perfect Digital Photographs

– Bryan Peterson – Understanding Exposure (Revised Edition).

Buona lettura! ;-)

Luisa Puccini
Blogger Sito web: www.vicinoelontano.blogspot.com
Flickr Flickr: http://www.flickr.com/photos/luisapuccini

Indice completo del corso di fotografia in cucina

Il triangolo delle Bermude: l’esposizione
5 (100%) 1 vote
Print Friendly, PDF & Email
offerte amazon

Info per Il triangolo delle Bermude: l’esposizione

Scritto da il
Inserita nelle categorie
Tag: Corso di fotografia in cucina, diaframma

Cerca Ricette

Non hai trovato la ricetta che cercavi? prova a scrivere gli ingredienti qui sotto:

Lascia un commento

19 Commenti on "Il triangolo delle Bermude: l’esposizione"

Notificami
avatar
Ros
Ospite

Io vi lovvo!!! Sto salvando queste chiarissime lezioni di fotografia e spero di migliorare con le mie foto :-)

Giovanna Bianco
Ospite

Le tue sono lezioni veramente preziose. Spero di riuscire a metterle in pratica. Grazie.

Alba
Ospite

Eccellenti indicazioni che spaziano dalla tecnica di base alla pratica spicciola ma utile per ottenere immagini di qualità.
Grazie

Dany - Ideericette
Ospite

Ciao Marifra!
Non credo che tu mi abbia offeso.. ci mancherebbe! Solo un po’ ignorato… affascinata (giustamente) dall’arte e dalla maestria di Luisa… :mrgreen:
Io ero lì che facevo gli onori di casa… approvando subito i commenti, avvertendoti che Luisa era fuori Italia e che se non rispondeva era per motivi non dipendenti dalla sua volontà, ecc ecc… ma senza essere considerata! ;-)
Dai tranquilla… alla prossima!
PS. Io con le foto sono negata (anche se sono già migliorata.. merito di Luisa!!!) ma la foto di quel tiramisù non mi pareva per niente brutta!

Marifra79
Ospite

Ciao Danny!
Sento di doverti fare le mie scuse e soprattutto devi credermi se ti dico che non era mia intenzione offendere o dimenticare qualcuno!
Nel modo più assoluto! Ho trovato solo qui l’unica persona disposta ad aiutarmi e sempre disponibilissima su ogni domanda che le ho rivolto!
Credimi anche se ti dico che di persone così non se ne trovano, sei fortunata a conoscere Luisa!!!!!
Scusami tanto ancora!!!
Luisa grazie mille!!! Stasera farò le mie prove!
Spero finalmente di riuscirci anch’io!!!!!

Un grosso abbraccio ad entrambe!!!!!!!

Luisa
Ospite
Ciao Marifra (e Dany ;-) ). Su photoshop hai fatto quasi tutto giusto, però sul rettangolo bianco hai fatto un doppio click invece che un click singolo, aprendo una finestra che non ti serve. Fai un click solo per passare alla maschera che già hai, poi devi selezionare il nero come colore di primo piano (nella colonna che è a sinistra il nero deve essere il colore che si vede sopra nei due quadratini colorati che sono verso il fondo). Per selezionare velocemente il nero, basta che tu digiti “d” sulla tastiera ed eventualmente anche “x” per scambiare i colori… Leggi il resto »
Dany - Ideericette
Ospite

Ciao Marifra… anche se poco considerata… ;-) ci sono anche io!!! :mrgreen: Spero che il sito e gli articoli siano di tuo gradimento… ma credo di sì!!! :grin:
Riguardo a Luisa.. concordo… Luisa è bravissima… molto molto disponibile… molto molto professionale… realizza foto molto molto belle… davvero una perla di donna!!!
E spero che continuerà a scrivere articoli per tutti noi con livelli di difficoltà sempre crescenti!!
Ciao ciao e buone foto!

Marifra79
Ospite
GRAZIE!!!!!!!!!!!!!!! GRAZIE GRAZIE GRAZIE!!!!!!! Caspita!!!! Credo di aver capito… prometto è l’ultima cosa che ti chiedo! (Sono imbranatissima per queste cose ma ho tanta costanza e vorrei davvero migliorare le mie foto). Con photoshop sono andata su “nuovo livello di regolazione” e su “livelli”, e ho spostato il triangolino centrale dei grigi, la foto diventa più bianca. Poi però ho cliccato ok. Quindi quando mi dici di prendere il pennello con il colore nero e la sfocatura sui bordi a 0… intendi lo “strumento pennello” e non i tre contagocce della finestra “livelli”? Se sì, come faccio a capire la… Leggi il resto »
Luisa
Ospite
Marifra, grazie mille. Se vuoi attrezzarti un pò per fare le foto di cibo in maniera più semplice che inventandoti riflettori di stagnola e quant’altro, la cosa più economica che mi viene in mente sono i piccoli set che puoi trovare su internet sui siti di fotografia. Io ho utilizzato molto un cubo che diffonde la luce con delle lampade a risparmio energetico a luce bianca studiate appositamente per la fotografia, ma se dai un occhio su internet trovi molte offerte anche abbastanza accesibili. I bank non vanno bene in una casa. Non sono solo costosi, ma anche molto ingombranti.… Leggi il resto »
wpDiscuz