I capperi Capparidaceae Capparis spinosa


La pianta del cappero. Il Capparis spinosa è una pianta rampicante spinosa tipica della zona Mediterranea: la troviamo nata e cresciuta spontaneamente anche su case, tetti e lungo muri vecchi. In cucina viene utilizzato solo il bocciolo, ma i fiori cui viene lasciato il posto all’apertura dei boccioli lascia stupiti per la bellezza dei colori. Capperi salati o sottaceto: comunque siano conservati, aggiungono un aroma agro e leggermente astringente a salse a crudo e piatti freddi, la più famosa per eccellenza, è il vitello tonnato. Consigli utili nella preparazione di ricette con i capperi:

Fiore-cappero-350x263

Capperi sotto sale

Prima di procedere all’utilizzo vanno immergersi in acqua fredda e poi sciacquati sotto acqua corrente affinché perdano un po’ il sale. Se questa procedura non viene eseguita scrupolosamente si rischia di rendere salate le pietanze che andremo a preparare con i capperi stessi.
Si possono consumare semplicemente con un filo di olio e due gocce d’aceto e aromatizzarli con aglio a pezzetti.

Ricette con capperi

Si utilizzano in numerosi piatti, dai primi a base di capperi come la pasta alla puttanesca o gli spaghetti con cozze, olive e capperi, ad altri piatti in cui vengono cucinati con carne e/o pesce (es. il baccalà alla napoletana o il rotolo/polpettone di tonno), nei contorni (melanzane e zucchine a funghetto), nella preparazione di salse. Il cappero, ha infatti proprietà digestive, diuretiche e protettive del fegato che ne favoriscono l’utilizzo. da provare anche la salsa di capperi di Pantelleria.

fiore-capperi-450x300

Capperi sott’aceto

Prima di consumarli, si consiglia di lavarli sotto acqua corrente per eliminare il sapore asprino dell’aceto. Si usano per insaporire le insalate (a base di pomodori e/o di riso) insieme ad altri aromi naturali.

Frutti del cappero

La caratteristica che li distingue è quella di avere un gusto più delicato rispetto al più conosciuto cappero. Sono deliziosi come antipasto e vengono generalmente utilizzati come ingrediente degli aperitivi.

Se ti piace condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su