Questo sito contribuisce
alla audience di

Usi alternativi e utilissimi del forno a microonde

Microonde Severin

Il microonde è un elettrodomestico arrivato sul mercato più di 60 anni fa ad opera di Percy Spencer, rivoluzionando così il modo e i tempi tradizionali di preparazione delle pietanze. Ma cosa sono e come funzionano le microonde? Le microonde sono onde non visibili all’occhio umano e il microonde è appunto un generatore di onde elettromagnetiche detto “magnetron”che fanno vibrare le molecole di acqua contenute nei cibi. Sfregando l’una contro l’altra, le molecole di acqua generano calore per attrito. Quindi, mentre nei metodi di cottura classici il calore penetra all’interno del cibo dall’esterno verso l’interno, nel forno a microonde il calore viene generato per sfregamento all’interno del cibo stesso.

Il microonde: c’è chi lo odia e chi lo ama e da decenni si combatte la tradizionale battaglia tra chi lo considera un alleato in cucina e chi ne evidenzia possibili effetti nocivi e cancerogeni. Pur essendo un elettrodomestico molto discusso, il microonde è ormai presente nelle cucine di tutto il mondo: c’è chi lo usa per scaldare le pietanze, chi per scongelare i cibi, chi lo utilizza proprio come un forno tradizionale per preparare in tempi rapidi gustosi manicaretti. In qualsiasi modo venga utilizzato il forno a microonde, la sua funzione è quella di cucinare o riscaldare i cibi per sfregamento delle molecole d’acqua ad opera delle onde elettromagnetiche.

I microonde più evoluti possono essere utilizzati anche come forni tradizionali perché, oltre alla funzione microonde, grill e combinato, possiedono la funzione aria ventilata che consente di utilizzarli anche come forno tradizionale con temperature fino a 220° oppure utilizzando le varie funzioni in modo combinato.

Ma ci sono alcuni usi inaspettati, non necessariamente alimentari, ma molto utili che non ci aspetteremmo essere possibili con il microonde. Prima di elencarli un’importante premessa. Nel microonde devono essere utilizzati solo recipienti “trasparenti” alle microonde. Ecco cosa può e cosa non può essere utilizzato (nel dettaglio) nel microonde:

Contenitori adatti al microonde: vetro pyrex, porcellana smaltata e senza parti in metallo (spesso nascoste in fiori o fili dorati o argentati), carta da cucina, carta da forno, pellicola, silicone e contenitori di plastica resistenti al calore (altrimenti si deformano).

Contenitori da non usare nel microonde (se utilizzato con funzione microonde): piatti o contenitori in (o con parti in) metallo o alluminio, contenitori in polistirolo e in carta semplice, sacchetti di plastica, carta stagnola, contenitori in legno e vimini o cristallo (contiene piombo), contenitori di plastica leggera (tipo vasetti di yogurt), pentole e padelle in acciaio, in ghisa e in rame (perché riflettono le onde che non riescono quindi a raggiungere gli alimenti). Soprattutto i metalli, essendo buoni conduttori di elettricità, sono pericolosi: i metalli, assorbendo le microonde, possono generare un corto circuito fra il generatore di microonde e il metallo, ovvero delle scintille che possono danneggiare il microonde stesso.

Adesso sotto quasi tutti i contenitori è indicato se sono adatti o meno alla cottura nel microonde. Comunque per verificare se un contenitore è adatto alla cottura al microonde, basta metterlo nel microonde con dentro un bicchiere di acqua per un minuto alla massima potenza. Se, trascorso questo tempo, il contenitore risulta tiepido e l’acqua calda, significa che il recipiente è trasparente alle microonde e quindi adatto alla cottura a microonde.

Naturalmente quanto appena scritto è valido se si utilizza il microonde con sola funzione microonde; se si utilizzano funzioni combinate (microonde/grill oppure microonde/aria ventilata) si possono utilizzare solo contenitori in pyrex o in ceramica.

Fatta questa debita premessa (che sarà utile anche per i punti successivi), ecco per quali usi utili e inaspettati può essere utilizzato il microonde:

Sale

Togliere l’umidità dal sale e dallo zucchero. In inverno sale e zucchero tendono ad assorbire l’umidità esterna ed appallarsi. Spesso mettiamo i chicchi di riso nel sale per cercare di limitare il problema. Il microonde va proprio ad agire eliminando le molecole di acqua. Sappiate che basterà passare per alcuni secondi il barattolo o la confezione di sale nel forno a microonde per eliminare l’umidità (la confezione deve essere in vetro o plastica resistente al calore, come specificato sopra)

Schiuma di latte

Fare un’ottima schiuma di latte, anche senza montalatte e in meno di un minuto. Prendere un contenitore ermetico da microonde, riempirlo di latte fino a meno della metà, chiudere con il coperchio e shakerare per almeno 30 secondi. Togliere il coperchio e scaldare il barattolo nel forno a microonde per circa 30 secondi. La schiuma generata dalla shakerata diventerà bella densa e il latte si scalderà fino alla giusta temperatura.

Vasetti

Sterilizzare i vasetti. Avete necessità di sterilizzare i vasetti prima di mettervi dentro conserve o verdure sott’olio appena preparate? Per sterilizzarli basterà inserirli lavati ma ancora bagnati (e senza tappi di metallo) nel microonde e scaldarli: 30/35 secondi per i vasetti piccoli, 40/45 secondi per quelli medi, 50/55 secondi per quelli di grandi dimensioni. Potete anche sterilizzarli lasciando dentro un dito di acqua.

Ciuccio

Sterilizzare i biberon, i ciucci e le tettarelle dei bambini. Quando ci sono bambini piccoli, l’igiene è importante (ma senza diventarne schiavi!) soprattutto se possono utilizzare alternative ecologiche a disinfettanti che, potrebbero conferire un odore sgradevole. Il biberon, lavato ma ancora bagnato, può essere sterilizzato analogamente ai vasetti scaldandolo per 30/40 secondi nel microonde. Alcuni ciucci (es. quelli della Mam) sono venduti in genere in dei contenitori ri-chiudibili utilizzabili per la sterilizzazione nel microonde, basterà riempire il contenitore di acqua fino al livello indicato, inserire il ciuccio con la tettarella rivolta verso il basso, chiudere il contenitore scaldare per circa 3 minuti alla massima potenza (750-1000 W). Idem per le tettarelle, anche se non avete uno sterilizzatore, basterà immergerle in poche dita di acqua (in modo che siano coperte) in un contenitore alto e scaldate per 2/3 minuti alla massima potenza.

Aromi

Essiccare le erbe aromatiche. In primavera/estate gli orti, i giardini e i terrazzi si riempiono di tante piantine aromatiche che non saranno disponibili in inverno. Se la vostra produzione è abbondante potete essiccare gli aromi nel microonde e conservarli in vasetti di vetro in modo da conservarne l’aroma. L’importante è rimuovere ogni traccia di umidità che potrebbe compromettere la conservazione degli aromi. I tempi variano a seconda delle erbe aromatiche (dai 30/40 secondi, per menta e basilico, 1 minuto per il prezzemolo, 2/3 minuti per erbe con foglie più spesse come il rosmarino). Potete anche essiccarle a una bassa potenza per un tempo superiore (analogamente a quanto avviene con gli essiccatori).

Spugne

Sterilizzare le spugne. Nelle spugne che usiamo per la pulizia quotidiana della casa si annidano germi e batteri: il microonde è un ottimo allegato per sterilizzarle. Mettete le spugne a bagno in un contenitore di plastica con acqua e aceto o acqua e limone. Per eliminare germi e batteri mettete il contenitore nel microonde e azionatelo per 5 minuti alla massima potenza.

Arance

Ottenere più succo di frutta. Se avete comprato delle arance da spremere che però non sembrano essere molto succose, provate a passarle per pochi secondi (ma non troppi altrimenti si distruggono le vitamine) nel forno a microonde a potenza media… Le onde del forno solleciteranno le molecole dei liquidi presenti all’interno del frutto e otterrete molto più succo. Ovviamente vale anche per i limoni.

Aglio e cipolla

Pelare aglio e cipolla. Bastano 15 secondi nel forno a microonde alla massima potenza per l’aglio e 30 per la cipolla per poter per pelarli più facilmente (e senza lacrime).

Legumi per zuppa

Legumi pronti senza ammollo. Alcuni legumi richiedono l’ammollo di una notte. Se ormai non hai più 12 ore di tempo per tenerli in ammollo ma non vuoi rinunciare alla zuppa di legumi, puoi procedere a realizzare un ammollo rapido. Mettili a bagno con un pizzico di bicarbonato in un contenitore da microonde, aziona il microonde per 10/15 minuti al massimo della potenza, quindi lasciali riposare per circa 40 minuti. Ammollo finito, Procedi quindi alla consueta cottura.

Cera

Eliminare la cera dagli indumenti (che non possiedono metalli nelle loro fibre). Sarà sufficiente scaldare l’indumento nel forno a microonde per pochi secondi per far sciogliere la cera e rimuoverla facilmente senza sciupare l’indumento.

Sciarpa tiepida

Scaldare alcuni indumenti come cuscini e sciarpe. Ci sono cuscini per la cervicale (quelli pieni di semi, riso, lino e sale rosa dell’himalaya) e sciarpe nati e progettati per essere scaldati nel microonde in modo da diffondere calore e profumo che generano benessere e allentano la tensione e contrazioni muscolari.

Crema idratante

Scaldare la ceretta o la crema idratante che, in inverno, risulta sempre troppo fredda per essere utilizzata con piacere. Provate invece a spalmarvi una bella crema idratante calda… una coccola per il corpo!

Print Friendly
[Voti: 73    Media Voto: 3/5]

Info per Usi alternativi e utilissimi del forno a microonde

Ricetta scritta da il
Inserita nelle categorie
Tag: Microonde, usi microonde, utilizzo microonde

Cerca Ricette

Non hai trovato la ricetta che cercavi? prova a scrivere gli ingredienti qui sotto:

Un commento

  1. quadri astratti moderni 6 giugno 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *