Questo sito contribuisce
alla audience di

Struffoli napoletani

struffoli

Struffoli nel vassoio

Gli struffoli sono dei dolci natalizi tipici della cucina napoletana… delle piccole palline di pasta dolce, fritte, cosparse di miele fuso e decorate con confettini colorati e frutta candita. Sebbene da quando sono nata, ogni Natale, li ho sempre visti preparare a Napoli da mia nonna e li ho sempre mangiati durante quei giorni di festa, non avevo mai provato a farli, come se il fatto che io, che mi sento all’80% fiorentina, provassi a preparare un piatto così tradizionale mi suonasse come un’eresia, una mancanza di rispetto verso le massaie napoletane doc che da decenni li preparano come da ricetta tramandata da mamma in figlia… poi lo scorso Natale (anzi, scorsissimo, visto che era Natale 2012) decidiamo con un gruppo di foodbloggers di vederci “a coppie” e di donarci una specialità natalizia preparata da noi… io e Fabio abbiamo deciso di vederci con Barbara di Cucina di Barbara.

Così, decisa a preparare per lei la ricetta dolce che per me meglio rappresentava il Natale, gli struffoli appunto, ho chiamato mia nonna per farmi dare le dosi. Via di corsa a comprare un piatto a modino (lo shop IVV a Prato era chiuso e mi sono dovuta accontentare della ciotola rossa delle foto in fondo al post)  e della carta trasparente per il confezionamento… un paio d’ore di lavoro ed ecco realizzati sia gli struffoli da donare a Barbara e consorte sia quelli da portare ai suoceri. Barbara ci ha portato 2 specialità pugliesi… le cartellate o crustole al vincotto e il calzone di frutta secca che però non ho mai potuto rifare perché per entrambi occorre il vin cotto (dovrei farmi amico il babbo di Barbara e convincerlo a donarmene una bottiglia!).

Tornando all’incontro… è stata una serata piacevolissima e abbiamo replicato l’incontro diverse volte, l’ultima volta è stato per questo Natale (2013 stavolta!). Solo che negli incontri successivi oltre alla cucina c’è stata un’altra caratteristica che ci ha accomunato un po ‘a sorpresa… la gravidanza! Solo che noi il nostro “regalo” lo abbiamo già scartato… ora aspettiamo che Barbara ed Emanuele scartino il loro! ;-)

Ingredienti Struffoli

– 3 uova
– 50 gr. di burro (io burro Occelli)
– 400 gr. circa di farina (quanta se ne assorbe l’impasto)
– 80 gr. di zucchero
– arancia e limone grattati
– 1 pizzico di sale
– limoncello o rum o strega q.b.
– vaniglia

Per friggere:
– olio di semi

Per la guarnizione:
– 250 gr. di miele (io ho usato il miele di rosa canina dell’Agriturismo Il Pino)
– 1 cucchiaio di zucchero  (semolato o a velo vanigliato)
– palline/confettini colorati (detti diavulilli)
– canditi (opzionali)

Preparazione Struffoli

 Mettete in una ciotola la farina, il burro, lo zucchero, l’arancia ed il limone grattugiati, il sale

Farina, burro, zucchero,sale,'arancia e limone grattugiati nella ciotola

Aggiungere le uova

Aggiunta uova

Iniziare ad impastare aggiungendo la vaniglia ed il limoncello

Impasto per struffoli che viene lavorato

Lavorate  il tutto in modo da ottenere un impasto liscio ed omogeneo

Impasto per struffoli

Lasciar riposare l’impasto una decina di minuti quindi ricavatene delle strisicioline spesse meno di 1 dito

Striscioline di impasto per struffoli

Tagliateli a tocchettini

Impasto tagliato a tocchettini

Adesso, solo se siete particolarmente masochisti, potete lavorare ogni quadretto in modo da trasformarlo in una pallina… io vi consiglio di saltare questo passaggio… giusto per rendere l’idea delle dimensioni, nella foto sotto gli struffoli di sinistra sono a misura, quelli di destra sono un po’ troppo grossi  (tenete presente che friggendo gonfiano un po’)

Struffoli da friggere

In un tegame (non troppo grosso, perché gli struffoli vanno fritti pochi per volta) fate scaldare l’olio di semi e procedete alla frittura; per non scottarsi nel versarli nel tegame io ne metto pochi per volta sulla schiumarola

Struffoli sulla schiumarola

e la immergo nell’olio bollente

Schiumarola immersa nell'olio bollente

Girate le palline per farle dorare in modo uniforme quindi scolatele; se friggete molti struffoli ricordatevi di cambiare l’olio ogni 4/5 fritture

Struffoli a scolare

e fate assorbire l’olio in eccesso su un foglio di carta assorbente; la regola dice che non dovrebbero essere troppo coloriti e tutti di uguale doratura… a me però piace molto vedere gli struffoli lucidi e mielosi con varie sfumature di doratura e quindi li ho fatti di due dorature diverse

Struffoli fritti

Mentre gli struffoli si raffreddano prendete il miele… io ho utilizzato del miele di rosa canina biologico… è ricco di vitamina C ed è utile nel trattamento delle malattie da raffreddamento oltre che benefico per gli anemici.

Miele di rosa canina

Fate sciogliere il miele in una pentola capiente quindi aggiungete lo zucchero

Miele a sciogliere con lozucchero

fate sciogliere lo zucchero con il miele

Zucchero e miele sciolti

Spegnete il gas e aggiungete gli struffoli 

Struffoli versati in pentola con il miele

e mescolate bene in modo che il miele si distribuisca bene su tutti gli struffoli

Struffoli mescolati con il miele

Aggiungete anche le palline colorate e la frutta candita (se vi piace)

Aggiunta palline colorate

Potete disporre gli struffoli a corona o come preferite… io li ho messi semplicemente dentro la ciotola di vetro

Struffoli napoletani

e li ho impacchettati chiudendo con della carta e del nastro natalizio

Struffoli confezionati

In  aggiunta sulla confezione ho messo un copribottiglia natalizio per servire il vino o lo champagne!

Struffoli napoletani

Print Friendly
[Voti: 58    Media Voto: 3.9/5]

Info per Struffoli napoletani

Ricetta scritta da il
Tempo totale: minuti
Persone: 8
Inserita nelle categorie
Tag: limoncello, ricetta, struffoli

Cerca Ricette

Non hai trovato la ricetta che cercavi? prova a scrivere gli ingredienti qui sotto:

7 Commenti

  1. Vozza Marie-Michèle 22 novembre 2016
  2. Diana 30 novembre 2014
  3. Puiatti Wanda 24 novembre 2014
  4. Arminda 23 novembre 2014
  5. Olga Velasquez 18 febbraio 2014
  6. Olev 16 febbraio 2014
  7. Barbara 14 gennaio 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *