Questo sito contribuisce
alla audience di

Ricetta Polpo in galera condito con capperi e olive

Polpo in galera condito con capperi e olive

Polpo in galera condito con olive e capperi

Il polpo in galera è un piatto tradizionale dell’Isola d’Elba. Punto in comune rispetto alla tradizione campana di cottura del polpo, anche qui “o purp se coce int’ a l’acqua soja“, in questo caso però il polpo cuoce in galera ovvero in un tegame con il coperchio molto pesante in cui resterà imprigionato senza fuoriuscita di vapore. Il segreto della ricetta sta nel lungo tempo di cottura a fiamma dolce e senza aprire la pentola cui deve seguire il tempo per lasciar intiepidire il polpo nella sua acqua: questo consentirà di ottenere un polpo morbido e saporito. Consiglio di non aggiungere sale perché la lunga cottura esalta la naturale sapidità del polpo, quindi è meglio non rischiare di avere un polpo salato. Questa volta ho utilizzato un polpo congelato, di quelli in offerta al supermercato, che tengo “di scorta” per quando, causa imprevisti, non riesco ad andare a fare la spesa… ed è uno di quegli alimenti che comunque congelato non mi dispiace perché il congelamento ha sulle fibre del polpo lo stesso effetto della battitura, ovvero le spezza, rendendo le carni più morbide. Solo che qui la rottura delle fibre connettivali deriva dalla trasformazione dell’acqua del polpo in cristalli: l’aumento di volume è appunto causa della rottura delle sue membrane cellulari. Ho condito il polpo in modo semplice.. con olio, un trito di aglio e prezzemolo fresco, olive, capperi e un po’ di limone. Una ricetta ottima in estate, si può cuocere il polpo la mattina con il fresco, lasciarlo raffreddare con calma nella sua acqua e condirlo prima di pranzo o addirittura per la sera!

Ingredienti per 3 persone:

– 1 polpo di circa 1 kg.
– 1/2 bicchiere di vino bianco secco
– aglio
– prezzemolo
– capperi sotto sale (io Citres)
– olive verdi e nere (io Citres)
– olio extravergine d’oliva

pentola pesante (io pentola in ghisa smaltata Ilsa)

Preparazione:

Pulite i polpi eliminando gli occhi, il becco e gli intestini (se il polpo è congelato ovviamente sarà già pulito). Prendete una pentola pesante, aggiungete olio e un trito di aglio e prezzemolo

Trito di aglio e prezzemolo nel tegame in ghisa

 Aggiungete il polpo (scongelato a temperatura ambiente e ben lavato) senza far colorire troppo l’aglio

Polpo nella pentola

[wpmoneyclick id=37654 /]

Aggiungete il pepe e mezzo bicchiere di vino bianco, lasciate evaporare il vino

Aggiunta pepe e vino bianco

Coprite con un coperchio pesante e fate cuocere a fuoco basso (senza togliere il coperchio) agitando un po’ la pentola all’inizio per non far attaccare il polpo al fondo del tegame. Dopo 10/15 minuti controllate il polpo… deve esservi sufficiente acqua di cottura

Polpo in galera in cottura

Potete girarlo già adesso (io l’ho aperto 3 volte per far le foto e girato ogni volta che lo aprivo) oppure aspettare che siano trascorsi 30 minuti in modo da girarlo una volta sola!

Polpo in cottura girato
Come vedete non c’è necessità di aggiungere acqua… l’acqua di cottura del polpo è più che sufficiente

Polpo a metà cottura

Cercate di aprire la pentola il meno possibile (più lo aprite e più lo aprirete, a causa del buon profumino)… in totale il polpo dovrà cuocere 1 ora. Affondate i rebbi della forchetta nella parte alta dei tentacoli… se risultano ancora duri proseguite la cottura per una decina di minuti

Polpo in galera cotto

Lasciate raffreddare il polpo nella sua acqua (almeno 20/30 minuti, se proprio avete fretta)

Polpo cotto in galera a raffreddare

Quindi tagliatelo a pezzi e mettetelo in un vassoio (a noi il polpo piace con la pelle e le ventose ma voi potete togliere le ventose più grosse o tutta la pelle)

Polpo a pezzi nel vassoio

Aggiungete aglio e prezzemolo tritati secondo gradimento

Aggiunta aglio e prezzemolo a pezzetti

Infine condite con olio, olive verdi e nere e capperi sotto sale (precedentemente sciacquati) secondo gradimento

Aggiunta olive e capperi

Conservate in frigorifero. Potete utilizzare l’acqua di cottura del polpo per insaporire una zuppa di pesce oppure un primo piatto, sempre a base di pesce

Polpo in galera con olive e capperi

Tirate fuori dal frigo il polpo una mezz’oretta prima di mangiarlo

Polpo in galera con capperi e olive

Servite con qualche fetta di limone

Polpo in galera con capperi e olive nere e verdi

Print Friendly
[Voti: 53    Media Voto: 3.5/5]

Info per Ricetta Polpo in galera condito con capperi e olive

Ricetta scritta da il
Tempo totale: minuti
Persone: 3
Inserita nelle categorie
Tag: capperi, Citres, cottura in galera, ILSA, olive, polpo, polpo in galera

Cerca Ricette

Non hai trovato la ricetta che cercavi? prova a scrivere gli ingredienti qui sotto:

Un commento

  1. Tulle e confetti 27 aprile 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *