Agrodolce

Ricetta Limoncello di casa mia

Adoro il limoncello fatto in casa… la ricetta del limoncello a casa mia ce l’abbiamo stampata nel DNA.. ma lo facciamo solo quando abbiamo dei limoni davvero buoni e soprattutto quando siamo sicure che i limoni siano davvero non trattati con antiparassitari nè fertilizzati in modo chimico!
Premesso questo… quando sono andata a Napoli dai parenti a Natale, c’erano ancora le piante  di limoni del mio nonno cariche di limoni non trattati… peccato che lui non ha potuto vederli, se non da lassù… erano spettacolari! Così nonna e zie mi hanno donato i limoni… potevo non fare il limoncello appena arrivata a casa? Ovviamente no!!! E così ne ho approfittato per fare le foto e mettere la ricetta!
Noi mettiamo 600 gr di zucchero ogni litro di alcool ma se vi piace più dolce potete metterne 700; inoltre così viene diluito al 50% con lo sciroppo, se vi piace un po’ meno forte aumentate un po’ lo sciroppo!!! Ma per il dettaglio della gradazione leggete in fondo alla ricetta!

Ingredienti per 2 lt di limoncello:

– 8-10 limoni non trattati
– 1 litro di alcool a 90°
– 600 gr di zucchero
– 1 litro di acqua

Procedimento:

Per prima cosa lavate accuratamente i limoni

Asciugateli bene con un panno pulito

Preparate l’alcool e un vaso di vetro con tappo abbastanza capiente

Con un coltello o un pelapatate togliete la buccia sottilissima ai limoni, stando attenti a non prendere la parte bianca; mette le bucce nel contenitore di vetro e aggiungete l’alcool

Chiudete il recipiente di vetro

e lasciate le bucce a macerare nell’alcool per una settimana, agitando di tanto in tanto il recipiente; vedrete che l’alcool diventerà sempre più giallo e le bucce di limone sempre più chiare

Trascorsi i 7 giorni, preparate lo sciroppo di acqua e zucchero; in una pentola mettete a scaldare l’acqua quindi aggiungete lo zucchero

Scaldate a fuoco dolce mescolando fino a che lo zucchero non si sarà tutto disciolto quindi spengete e fate raffreddare

Unite lo sciroppo alle bucce macerate nell’alcool

e mescolate bene

Ed ecco il nostro limoncello pronto per essere filtrato

Procedete a filtrare il limoncello aiutandovi con un colino e un altro recipiente capiente

Ed ecco il limoncello pronto da imbottigliare

Imbottigliate il limoncello; guardate la differenza di colore tra il limoncello giallo intenso appena fatto (bottiglie di lato) e quello fatto quest’estate (bottiglia centrale)

Se poi volete sapere la gradazione del nostro limoncello… ecco la formuletta per il calcolo dei gradi, fornita da Ilgrifo (che ringrazio) nei commenti:
(alcool/volume totale)*gradazione
Lo zucchero rende circa 65ml. ogni 100gr.  quindi (1000/2390)*90 = vol 37%
Se usate l’alcool a 95°, dato che il rapporto zucchero acqua in questa ricetta è uguale ad 1.6 (1000/600=1.6) circa, basta fare:
– 1000 di alcool a 95°
– 1100 di acqua
– 660 di zucchero
La gradazione resterà di vol.37%

Ovviamente se volete diminuire la gradazione e fare per esempio un limoncello a vol. 29% (che è la gradazione in genere più amata dalle donne senza modificare il gusto ma solo la gradazione), farete:
– 1000 ml. alcool 90°
– 1300 ml. acqua
– 770 gr.zucchero
Per l’alcool a 95° dovrete aggiungere altri 100 ml. all’acqua e altri 60 gr. allo zucchero.

Lasciamo i calcoli de IlGrifo e torniamo a noi… Io mi sono divertita anche a preparare le etichette al computer con la carta adesiva

Ed ecco le bottiglie di limoncello pronte per…. una buona bevuta tra amici!!!

Buona bevuta!

Anche l’etichetta.. è venuta proprio bellina!!!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.9/5 (271 votes cast)
Ricetta Limoncello di casa mia, 3.9 out of 5 based on 271 ratings
Ricetta scritta da il 01/02/2010
Inserita nelle categorie
Tag: limoncello, limoni non trattati, ricetta limoncello con foto, ricetta liquore limoncello, ricette con foto
Bottiglie di limoncello con etichette
Ed è stata letta: 883.454 volte.
Stampa Stampa Ricetta in pdf con fotoScarica la ricetta

141 Commenti

  1. Panagarisa 29 settembre 2014
  2. Antonietta 25 luglio 2014
  3. Gianluigi 20 luglio 2014
  4. Teresa Sorrento 17 luglio 2014
  5. Maria 17 luglio 2014
  6. Giuseppe 18 giugno 2014

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*