Agrodolce

Ricetta Insalata di polpo, patate e olive di Gaeta

Quando sono andata a Napoli, in autogrill sono stata catturata da un libro di Luciano Pignataro dal titolo “La cucina napoletana e della Campania di mare”… la cosa simpatica di questo libro è che raccoglie tantissime ricette e in fondo ad ogni ricetta indica il Ristorante della Campania con relativa località dove viene realizzata… insomma, come si dice a Firenze, una figata!!! E ci saranno circa 700 ricette… che sento molto vicine come matrice culinaria vista la mamma napoletana! Quindi ho deciso di ripassare qualche ricetta… questa viene fatta al Ristorante Aurora di Capri, ovviamente è comunque una versione “a modo mio”  ;-)

Visualizzazione ingrandita della mappa

Ingredienti per 3 persone:

– 1 polpo di 800 gr

– 3 patate medie

– 1 manciata di olive nere di Gaeta

– 2 limoni

– olio extravergine di oliva

– 1 spicchio di aglio

– prezzemolo

– peperoncino

– sale q.b.

Preparazione:

Prendere il polpo e metterlo in una pentola piena d’acqua (io ho usato la pentola a pressione, visti i tempi di cottura dimezzati)

Far bollire il polpo per circa 15 minuti, se utilizzate la pentola a pressione; se invece usate una pentola tradizionale fatelo bollire per circa 2 ore. Farlo raffreddare nella sua stessa acqua

Scolate il polpo senza buttare l’acqua di cottura e finite di farlo raffreddare in un piatto

Mettete a cuocere le patate nella stessa pentola e nella stessa acqua in cui si è cotto il polpo; fate cuocere per circa 10 minuti a pressione, quasi un’ora nella pentola tradizionale

Nel frattempo mettete il polpo su un tagliere per pulirlo, togliete il becco al centro dei tentacoli

Staccare la sacca e pulirla, eliminare gli occhi e la pelle, che si stacchera’ facilmente insieme alle ventose, quindi tagliatelo a pezzi e mettetelo in una pirofila o piatto da portata

Aggiungete il succo dei due limoni

quindi aggiungete l’aglio a pezzetti e condite con l’olio

Aggiungete quindi il prezzemolo e il peperoncino

e le olive nere di Gaeta (le avevo portate a Natale da Napoli, eheheheheh)

Nel frattempo, quando le patate sono cotte, scolatele, fatele raffreddare, sbucciatele e tagliatele a pezzetti con un altro po’ di prezzemolo

Aggiungetele quindi al polpo

e mescolate bene per far insaporire; se necessario, regolate di sale

Fate insaporire almeno per un paio d’ore, meglio se almeno mezza giornata.. e il giorno dopo è ancora più

buono!

Buon appetito!


Lo chef Matteo Ghigino consiglia:

Come per la ricetta del polpo con i sottaceti anche in questa lo stesso consiglio: il polpo va bollito con un brodo leggero come indicato nella precedente ricetta; le patate sono più buone se saltate in padella dopo che sono state lessate fino a metà cottura; saltatele in padella con 50 gr di burro e una manciata generosa di prezzemolo tritato. In un lato del piatto preparate il polpo con le olive e dall’altra mettete le patate prezzemolate!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.0/5 (15 votes cast)
Ricetta Insalata di polpo, patate e olive di Gaeta, 4.0 out of 5 based on 15 ratings
Ricetta scritta da il 17/01/2010
Inserita nelle categorie
Tag: insalata di polpo con patate, olive, olive di Gaeta, patata, patate, polpo, ricetta insalata di polpo e patate con foto, ricetta polpo con patate, ricette con foto
Polpo con patate e olive con Gaeta
Ed è stata letta: 86.608 volte.
Stampa Stampa Ricetta in pdf con fotoScarica la ricetta

20 Commenti

  1. Arance Sicilia 19 gennaio 2010
  2. Giulio 20 gennaio 2010
  3. Silvana 20 gennaio 2010
  4. Bruna 21 gennaio 2010
  5. Caterina 28 gennaio 2010
  6. Dany - Ideericette 29 gennaio 2010
  7. Alessandro 29 aprile 2010
  8. Dany - Ideericette 2 maggio 2010
  9. Alessandro 23 maggio 2010
  10. Dany - Ideericette 28 maggio 2010
  11. Franca 15 novembre 2010
  12. Dany - Ideericette 16 novembre 2010
  13. Laura Bertini 13 agosto 2011
  14. Silvestro 26 agosto 2012
  15. Dany - Ideericette 27 agosto 2012
  16. Mate 28 agosto 2012
  17. Chiara 3 giugno 2013
  18. Milly 14 luglio 2013
  19. Andrea 18 luglio 2014
  20. Rosy 29 luglio 2014

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*