Questo sito contribuisce
alla audience di

Ricetta Impasto per pizza con la MdP – macchina del pane

Pizza con pomodoro, mozzarella e origano impasto doppio

Impasto per pizza steso

La domenica a casa nostra è San Pizza, come dice Fabio. Domenica scorsa non ho voluto smentire la tradizione ma ho voluto provare a fare l’impasto per la pizza utilizzando la mia macchina del pane Breadmaker Wake up Princess. L’apposito programma dura 1 h e 1/2… io però di tempo a disposizione ne avevo in abbondanza e dopo mezz’ora di lievitazione nel cestello (verso le 18.00) ho tolto l’impasto e l’ho lasciato lievitare in una ciotola a temperatura ambiente fino alle 19.30. Se avete tempo a disposizione per la lievitazione potete miscelare la farina 0 con una farina rinforzata come la Farina Manitoba, che contiene molte proteine ed è adatta per lunghe lievitazioni!

Ingredienti per un impasto per circa 3/4 persone:

– 280-300 ml di acqua tiepida (1 tazza colma)
– 500 gr di farina 0 (3 tazze colme)
– 1 cucchiaino di sale
– 1 cucchiaino di zucchero
– 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
– 1/2 cubetto (12 gr). di lievito di birra fresco

Preparazione:

Montare la pala impastatrice sull’alberino sul fondo del cestello e aggiungere sempre per primo il liquido (l’acqua): l’acqua può essere tiepida o a temperatura ambiente. Versare sopra la farina 0.  Scavare una buchetta nella farina e versare il sale coprendolo in modo che non possa venire a contatto con il lievito (il sale uccide il lievito).

Aggiunta acqua farina e sale nel cestello

Aggiungere di lato un cucchiaino di zucchero (anche di canna): aiuterà la lievitazione e non si sentirà nell’impasto. Aggiungere quindi l’olio (coprendolo con un altro po’ di farina) e il lievito sbriciolato. Questo procedimento assume particolare importanza se si inseriscono gli ingredienti nella macchina e si programma la partenza ritardata per la preparazione dell’impasto. Piccoli accorgimenti che però consentono di non attivare anticipatamente l’azione del lievito, facendogli perdere forza! In generale: il lievito non deve mai venire a contatto con i liquidi (acqua o olio che siano). E se si usa il timer è preferibile (ma non obbligatorio) il lievito secco.

Aggiunta zucchero, olio e lievito

Mettere il cestello sul fondo della MdP e ruotarlo per bloccarlo, quindi

– con il pulsante menù impostare il programma 8 – DOUGH che significa appunto impasto del pane

– Premere il pulsante start/stop per dare avvio alla lavorazione dell’impasto

Macchina per il pane Princess programma impasto

Ecco l’impasto durante la lavorazione, dopo appena 7/8 minuti dall’avvio

Impasto pizza in lavorazione

 Come vi dicevo dopo mezz’ora di lievitazione ho tirato fuori l’impasto e l’ho messo in una ciotola nella quale avevo messo un po’ di farina per non farlo attaccare

Impasto pizza dopo mezz'ora di lievitazione

 Questo è l’impasto dopo 10-12 minuti nella ciotola coperto con un canovaccio… si vede già che è un po’ cresciuto!

Impasto in lievitazione

Ed ecco l’impasto dopo 1 ora e mezzo… aveva già raggiunto il massimo della lievitazione e iniziava a sgonfiarsi! Sarebbe stato perfetto un impasto con la farina manitoba…. ma l’avevo finita!

Impasto per pizza lievitato

Stendete l’impasto con il mattarello

Impasto per pizza steso

Ed ecco la pizza mia e di mia mamma da infornare… sottile, con pomodoro, scamorza, olive di Gaeta e basilico.. e prosciutto cotto da mettere a fine cottura!

Pizza con pomodoro, scamorza, olive di Gaeta e basilico da infornare

Ed ecco la pizza di Fabio… altrettanto semplice ma… impasto doppio, pomodoro, mozzarella e origano!

Pizza con pomodoro, mozzarella e origano impasto doppio

Print Friendly
[Voti: 47    Media Voto: 3/5]

Info per Ricetta Impasto per pizza con la MdP – macchina del pane

Ricetta scritta da il
Tempo totale: minuti
Persone: 3
Inserita nelle categorie
Tag: Breadmaker Wake up, farina 0, farina manitoba, impasto pizza, lievito di birra, lievito secco attivo, macchina del pane, Mdp, olio, Princess, sale

Cerca Ricette

Non hai trovato la ricetta che cercavi? prova a scrivere gli ingredienti qui sotto:

4 Commenti

  1. Maurizio 4 settembre 2016
  2. Fabrizio 22 luglio 2015
  3. Silvana 14 febbraio 2015
  4. Silvia 12 ottobre 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *