Agrodolce

Ricetta Fusilli al pesto di pistacchi

Particolare fusilli al pesto di pistacchi piatto trasparente

Fusilli al pesto di pistacchi nel piatto trasparente

Una gustosissima alternativa siciliana al classico pesto ligure… vi consiglio di provarla!!! Per avere un pesto dal colore verde brillante sarebbe opportuno privare i pistacchi verdi di Bronte della loro cuticola viola… se avete voglia (io non l’ho fatto, anche perchè non erano di Bronte!), immergete  i pistacchi in acqua bollente per pochissimi secondi e sarà più facile questa operazione!

Dopo aver preparato il pesto, se vi avanza, potete conservarlo qualche giorno in frigo: mettetelo dentro un barattolo pulito ed unite ancora olio fino a coprire il pesto!

Ingredienti per 2 persone:

Pistacchi

– 200 gr di pasta formato fusilli
– 200 gr di pistacchi, meglio se di Bronte (Città del Pistacchio)
– qualche foglia di basilico
– 1 aglio piccolo
– un po’ di sale grosso (io ho usato quello aromatico alle Erbe di Cervia)
– olio d’oliva
– parmigiano a pezzi

Preparazione:

Innanzitutto sbucciate i pistacchi

Pistacchi sbucciati

Quindi mettete parte degli ingredienti dentro il mortaio (ad esclusione dell’olio)

Ingredienti per pesto dentro il mortaio

Iniziate a pestare

Inizio preparazione pesto pistacchi

fino ad ottenere un composto grossolano, quindi iniziate a versare l’olio a filo continuando a pestare

Aggiunta olio al pesto di pistacchi

Aggiungete via via il resto degli ingredienti, continuando a pestare e ad aggiungere olio, secondo necessità, fino ad ottenere un composto della consistenza come in foto. Se volete fare prima… mettete tutto nel mixer!! ;-)

Pesto di pistacchi pronto

Mentre poi cuocete la pasta mettete in una padella il pesto che andrete a sciogliere con due cucchiai di acqua di cottura della pasta

Pesto di pistacchi in padella

Scolate la pasta e saltatela in padella con il pesto di pistacchi

Fusilli saltati con pesto di pistacchi

Impiattate guarnendo con qualche pistacchio e qualche foglia di basilico

Fusilli al pesto di pistacchi piatto bianco

Buon appetito!

Inquadratura fusilli al pesto di pistacchi

Particolare fusilli al pesto di pistacchi


Lo chef Matteo Ghigino consiglia:

Provate a saltare i fusilli con qualche scaglia di pecorino stagionato per marcare il gusto e presentate il piatto mettendo la pasta a metà del piatto e sulla parte opposta dei crostini con il pesto in modo che i vostri commensali possano anche degustare il pesto solo con il pane!!!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.6/5 (7 votes cast)
Ricetta Fusilli al pesto di pistacchi , 3.6 out of 5 based on 7 ratings
Ricetta scritta da il 03/09/2009
Inserita nelle categorie
Tag: aglio, basilico, olio, parmigiano, pesto di pistacchi, pistacchi di Bronte, Ricetta Fusilli al pesto di pistacchi con foto, ricette con foto
Ricette di cucina
Ed è stata letta: 78.132 volte.
Stampa Stampa Ricetta in pdf con fotoScarica la ricetta

15 Risposte per Ricetta Fusilli al pesto di pistacchi

  1. Anna 11 ottobre 2009 @ 12:50

    hmmmm…. che buoni

  2. Carmelo 26 maggio 2010 @ 15:48

    @ Anna: :lol:
    Questa è la mia ricetta preferita, molto buona provatela, se volete mettete le mandorle e i pinoli, messi insieme cambia gusto provatelo
    Ciao Carmelo.

  3. Rosetta 11 agosto 2010 @ 18:53

    Per fare un buon limoncello occorre mettere il doppio di acqua rispetto all’alcool (la stessa bottiglia di alcool riempita due volte di acqua) altrimenti è troppo forte e io non riucirei mai a berlo. Altra cosa essenziale è quella di non scaldare l’acqua e lo zucchero: così sa di sciroppo e fa schifo.
    Io, trascorsa la settimana di macerazione, aggiungo a freddo l’acqua, lo zucchero, lo sciolgo bene e lo faccio insaporire per altri due o tre giorni.
    Provate così: è troppo più buono e sa veramente di limone.
    Rosetta

  4. Dany – Ideericette 18 agosto 2010 @ 17:54

    @ Rosetta:
    A parte il fatto che non capisco perchè commenti la ricetta dei fusilli al pesto di pistacchi con la tua ricetta del limoncello… ;-)
    Comunque è ovvio che a chi non piace così forte aumenta la dose di acqua per alleggerirlo ;-) … ma è un gusto personale e non mi sembra educato :roll: dire che è un buon limoncello solo il tuo con doppia dose di acqua rispetto all’alcool…
    Ti ringrazio per aver “educatamente” definito il mio limoncello che sa di sciroppo come schifoso… senza nemmeno averlo assaggiato… :-)
    Grazie per i tuoi consigli, li metterò in pratica e ti penserò, nel frattempo, sorseggiando il mio limoncello schifoso! ;-)

  5. Giorgio 22 agosto 2010 @ 21:47

    Aggiungere un po’ di panna da cucina al pesto al pistacchio… legherebbe meglio con i fusilli.

  6. Dany – Ideericette 4 settembre 2010 @ 01:50

    @ Giorgio: secondo la mia opinione il pesto, come tale, lega già bene con i fusilli, tant’è che va a sposarsi con la pasta depositandosi nelle scanalature del fusillo… aggiungere la panna, per me, sarebbe coprire un sapore che andrebbe gustato così, al naturale… poi certo, se si parla di un cucchiaio di panna, va benissimo… io pèrò, quando posso, nei primi la evito!

  7. Magi Glucker 15 aprile 2011 @ 08:40

    Yummm che buoni, ottimo pesto.

    Ciao, Magi

  8. Rebecca 14 maggio 2011 @ 22:23

    La panna i veri chef in cucina non la adoperano… maschera i sapori… figuriamoci cosa c’entra nel pesto??? :evil:

  9. Emiliano 19 agosto 2011 @ 18:57

    Io ho aggiunto nel piatto un po’ di mortadella tagliata alta a dadini e decorato con glassa all’aceto balsamico e scaglie di parmigiano. Spettacolare

  10. Raffaele 20 agosto 2011 @ 13:57

    Ben fatto, buono. Forse la saltatina finale io la salterei per mantenere intatti i sapori del pesto,che è una salsa a crudo. Magari darei una tostatina iniziale ai pistacchi per carpirne i sapori e mi aiuterebbe anche a pelarli più facilmente.
    Comunque brava e bella ricetta.

  11. Cinzia 20 agosto 2011 @ 20:57

    Ieri ho trovato questa ricetta e subito mi ha colpito, oggi l’ho provata e mi è piaciuta davvero tanto!!
    Provatela.

  12. Carmelo70 13 settembre 2011 @ 10:30

    Niente pecorino, per di più stagionato! Il gusto delicatissimo del pistacchio ne verrebbe schiacciato. Casomai della ricotta lavorata a crema. Sono d’accordo con chi eviterebbe la panna, ma dalle mie parti (abito a pochi km da Bronte) si vedono spesso farfalle al pistacchio con panna, ma cucinare sughi con vaschette di panna e qualcos’altro (prosciutto e/o piselli, pistacchi, funghi, ecc.) è da studenti fuori sede! Via la panna dai fornelli, se non a cucchiaini, tanto per legare un po’.
    Io preparo la pasta al pistacchio con farfalle o pennette lisce (scolate non perfettamente) e spolverizzo alla fine con alcuni pistacchi tritati al mixer grossolanamente; i fusilli assorbono troppo pesto a scapito della cremosità, e il piatto è più asciutto.

  13. Simona 23 ottobre 2011 @ 18:40

    Al posto della panna mettete semplicemente del latte… iniziate rosolando del prosciutto cotto a cubetti, mettete il pesto per tostarlo, aggiungete il latte e alla fine guarnite con pistacchi tritati… provata e… gnam gnam…
    Mi direte.

  14. Roberta 26 ottobre 2011 @ 09:27

    Cara Dany, leggere questa ricetta, prepararla e mangiare è stato un tutt’uno!!!!! Che bontà… ho solo aggiunto un pochino di latte per amargamarlo meglio… uhmmmm… da leccarsi i baffi!
    Grazie.

  15. Blufont 2 dicembre 2011 @ 12:40

    io l’ho provata con la pancetta, seguendo le orme dei miei amici siciliani. Secondo me è indispensabile per bilanciare il sapore, altrimenti il pistacchio da solo è un pò troppo dolce. Un cucchiaino di panna per legare ci può stare e addirittura il mio amico catanese aggiungeva una goccia di marsala. A Palermo l’hanno servita con pochissimi pachino appena scottati. Comunque è diventato uno dei miei piatti preferiti… assolutamente divini fusilli, gnocchetti sardi… comunque pasta corta con interstizi per accogliere la salsa :-)

Lascia un commento

*

Torna su