Agrodolce

Ricetta Frittelle di riso di San Giuseppe

Sulla ricetta delle frittelle di riso c’è un ampio dibattito: chi ci mette la farina nell’impasto e chi non ce la mette, chi cuoce il riso solo nel latte e chi in acqua e latte in parti uguali, chi ci mette l’uvetta e chi non ce la mette (a me non piace quindi via!!)… dopo varie prove e qualche riaggiustamento… ecco la ricetta per delle frittelle cremosissime… grazie Lybe, grazie Sandra (Lybe’s mather) per i consigli ed i suggerimenti da toscani DOC!

Sono le classiche frittelle del periodo di Carnevale e in particolare del giorno di San Giuseppe (19 marzo) nonché Festa del Papà… perchè? Perchè S. Giuseppe non si fa senza frittelle!!!

Ingredienti per circa 35-40 frittelle:

- 200 gr di riso
- 600 gr di latte
- 300 gr di acqua
- 2 uova
- 80 gr di burro
- 80 gr di zucchero
- uva sultanina (opzionale)
- 2 cucchiai di Rum (o Vinsanto o Marsala)
- buccia di limone grattugiata
- buccia di arancia grattugiata
- 1 pizzico di sale
- olio di semi per friggere

Preparazione:

Mettete il latte con l’acqua in una pentola capiente

Fate scaldare il latte quindi aggiungete un pizzico di sale e metà del burro (40 gr)

A questo punto aggiungete metà dello zucchero facendo sciogliere bene

Buttate quindi il riso e aggiungete la scorza grattugiata del limone (oppure la buccia intera che farete bollire insieme al riso)

Fate cuocere a leggero bollore  fino a che il latte si sarà assorbito tutto

Quindi aggiungete il rimanente zucchero e burro e mescolate

Spengete il gas, togliete dal fuoco e fate raffreddare il riso alcune ore (anche tutta la notte, come da tradizione); l’impasto raffreddato deve essere duro da lavorare con il cucchiaio;  aggiungete i tuorli d’uovo leggermente sbattuti e mescolate bene

montate gli albumi a neve ferma

aggiungeteli al riso

e mescolate bene aggiungendo anche il rum (e l’uvetta, se vi piace… io faccio passo)

Mescolate nuovamente fino ad ottenere un composto omogeneo che deve essere abbastanza duro (se non lo fosse aggiungete un cucchiaio di fecola)

Nel frattempo mettete a scaldare l’olio in una padella; aiutandovi con due cucchiai (precedentemente immersi nell’olio bollente) create una pallina di composto

e immergetela nell’olio bollente

Ripetete il procedimento mettendo a friggere altre frittelle (non troppe)  nell’olio bollente; fate dorare le frittelle quindi scolatele con una schiumarola

e mettetele in un piatto su un foglio di carta assorbente (es. scottex)

Guardate dentro questa frittellina…  com’è cremosa!!

Passare le frittelle nello zucchero semolato (o zucchero a velo, se preferite)

E servitele calde o tiepide!

Ed ecco le frittelle da vicino
e dentro.. cremosissima!!!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.8/5 (113 votes cast)
Ricetta Frittelle di riso di San Giuseppe, 3.8 out of 5 based on 113 ratings
Ricetta scritta da il 04/02/2010
Inserita nelle categorie
Tag: dolci per festa del papà, dolci per San Giuseppe, frittelle per festa del papà, latte, ricetta frittelle di riso con foto, ricette con foto, ricette frittelle di riso di San Giuseppe con foto, riso, uova, uva passa, uvetta sultanina
Particolare frittella di riso
Ed è stata letta: 295.162 volte.
Stampa Stampa Ricetta in pdf con fotoScarica la ricetta

41 Risposte per Ricetta Frittelle di riso di San Giuseppe

  1. Anna Maria 4 febbraio 2010 @ 00:19

    ;-) Complimenti, le farò sicuramente perchè semplici e gustose. Alla prossima, sei stata chiara e precisa. Brava cento volte!!!!

  2. 33 anni di esperienza… 4 febbraio 2010 @ 00:41

    Parto dal fondo…
    sono buonissime anche fredde e dato che in casa c’era la festa tradizionale e se ne facevano circa una 15ina di chili ve lo dico con certezza!
    Lo zucchero sopra a gusto. Sempre per la vita del parentado eravamo soliti prepararne alcune con lo zucchero e alcune senza.
    Se le fate piccoline (usando come cucchiaio piccolo uno di quelli da cocktail) vi giuro che ne finite mezzo chilo da soli senza nemmeno accorgervene…

  3. Sandra 4 febbraio 2010 @ 13:11

    La tradizione toscana contadina è di farle anche per la domenica delle Palme, non importa passarle nello zucchero, sono buone anche senza.

  4. Graziella 22 febbraio 2010 @ 11:50

    Ottime tutte queste ricette.
    Un grazie di cuore… e una richiesta!!!
    Si dovrebbero poter stampare queste ricette (per farle leggere a qualche amica o da tenere in cucina per le smemorate come me!!!) evitando di stampare anche le immagini poichè, ahimè, consumano troppo inchiostro.
    Grazie di cuore!

  5. Dany – Ideericette 22 febbraio 2010 @ 15:18

    @ Graziella:
    Grazie della visita, del commento e dei complimenti… per quanto riguarda la tua richiesta… ci abbiamo già pensato tempo fa… permettendo di stampare la ricetta senza foto oppure salvarla in pdf con tutte le foto!!!
    Trovi i comandi proprio sopra l’inizio dei commenti… uguali a questi!
    Stampa questa ricetta Stampa questa ricetta
    Ricetta in pdf con fotoRicetta in Pdf con foto
    Però grazie dell’osservazione… forse lì non sono abbastanza visibili!!!

  6. Erica 23 maggio 2010 @ 11:30

    STUPENDA!!!!
    Credo che la rifarò almeno 10000 volte.
    Sei stata bravissima a descriverle in maniera molto chiara, anche a leggere viene l’acquolina in bocca.
    P.S: E’ la prima volta che entro in questo sito ma credo che lo farò più spesso.
    ;-)

  7. Dany – Ideericette 28 maggio 2010 @ 15:31

    Grazie Erica!
    La ricetta è toscana doc della Sandra (vedi commenti sopra), che è la mamma del mio amico (quello che si è firmato come 33 anni di esperienza)!!!
    Per il resto… faccio ricette “di casa”…. semplici, poco elaborate e alla portata di tutti… e se ti piacciono mi fa piacere!

  8. Romao 11 novembre 2010 @ 20:54

    Molto interessante questa ricetta da provare sicuramente ed inoltre va benissimo anche per chi è celiaco :lol:

  9. Dany – Ideericette 16 novembre 2010 @ 00:14

    @ Romao: non ci avevo pensato finchè non me lo hai fatto notare… sì, è una ricetta che va bene anche per chi è celiaco!!!

  10. Marco 22 febbraio 2011 @ 22:44

    Tdenghiu… soprattutto per le dosi, senza le quali sarei stato in alto mare.
    Ottime.
    Spero di migliorare. ;-)

  11. Sara FI 26 febbraio 2011 @ 11:11

    Belle le frittelle di riso le adoro come adoro i cenci :)
    Sono anche io toscana (vicino empoli) e adoro le frittelle…
    Volevo ricordare che tra poco sarà Pasqua e inviterei chi di voi toscane ha la ricetta della schiacciata di Pasqua di postarla.
    Putroppo nel web non ho trovato ricette soddisfacenti.
    Un bacione a tutti.

  12. Luciana 26 febbraio 2011 @ 19:31

    :razz: Ho tutti gli ingredienti… penso proprio che proverò a farle le frittelle di San Giuseppe!
    Intanto mi alleno in previsione della festa…
    Grazie dell’idea!!!

  13. Vorrei sapere di Sara 18 marzo 2011 @ 22:11

    Ciao, Sara della schiacciata di pasqua!!!!
    Sono di Empoli anch’io….
    Vorrei assaggiare le tue frittelle…
    :razz: :razz: :razz: :razz: :razz: :razz:
    Sono goloso ma non le faccio!!!!!
    Schiacciata di Pasqua, ti porto ad Empoli in un posto dove la fanno speciale…
    Buona sera a tutte e tutti

  14. Marco 2 aprile 2011 @ 18:14

    Scusate sapreste dirmi che tipo di riso bisogna utilizzare?
    Grazie mille.

  15. Dany – Ideericette 17 aprile 2011 @ 01:15

    @ Marco: io uso il riso che ho in casa senza troppi complimenti… in genere quello per risotti… ovviamente non il riso basmati!!!
    @ Sara: non conosco la schiacciata di Pasqua cui ti riferisci!
    @ Vorrei sapere di Sara: mi sembra di essere un’agenzia matrimoniale.. hihihhi!

  16. Maria 29 maggio 2011 @ 23:26

    Ciao sono maria e la prima volta che entro in questo sito questa ricetta fa propio al caso mio per il momento mi hanno sospeso il glutine visto che sono fatte con il riso posso mangiarle.
    Volevo chiederti se era possibile farla con il bimbi mi dai una risposta. Complimenti sono cosi invitanti da mangiarle.

  17. Chicchiricchi.com 20 giugno 2011 @ 07:00

    Bisognerebbe poter specificare con maggiore precisione il tipo di riso da utilizzare perchè sciuamente a seconda della tipologia di riso il risultato è drasticamente diverso…

  18. Rosaria 15 gennaio 2012 @ 19:30

    Mi associo alla richiesta di chicchiricchi, bisognerebbe sapere che tipo di riso va usato: io credo il Vialone Nano. Poi ho provato a farle ma mi si sono aperte friggendole, forse perche’ l’olio non era abbastanza bollente. Mi rifaro’ la prossima volta. grazie… :roll:

  19. stefania 22 gennaio 2012 @ 23:41

    Il tipo di riso per dolci e frittelle più adatto è l’Originario, con chicchi tondi e piccoli, deve essere cotto bene, ovviamente.
    Buone frittelle a tutti. Ciao.

  20. Marilena 1 febbraio 2012 @ 16:30

    Ho appena provato a fare le frittelle…sono molto buone e si sente molto il riso, ma appena raffreddano se le fai dorare troppo come dici tu il riso esterno tende ad indurirsi… mentre in quelle meno dorate non si sente… quale sarebbe la variante per sentire meno il riso e più la “pastella” intorno? Attendo suggerimenti… grazie ancora ;-)

  21. Rossella 13 febbraio 2012 @ 16:49

    Buonissime le fritelle ora faro’ altri dolci vostri e riferiro’
    Grazie! :grin: ;-)

  22. Anna Maria 22 febbraio 2012 @ 11:31

    Sono ottimissime e mi ricordano mia mamma che le faceva quando ero piccina ne mangiavo una motagna. Complimenti per le ricette sono comprensibili e ben spiegate, complimenti di nuovo.
    Ciao

  23. Pietro 25 febbraio 2012 @ 20:47

    Le frittelle di riso sono buone non solo il 19 marzo ma tutti i giorni
    dell’anno.
    Saluti

  24. Daniela 29 febbraio 2012 @ 12:08

    Le frittelle sono proprio squisite, io ho usato un riso a chicchi grossi e mi sono venute prorio buone.

  25. Lisa 14 marzo 2012 @ 19:33

    Ciao, vorrei provare questa ricetta per la festa del papà, ma è lo stesso se al posto del rum o vinsanto, Uso il Sassolino??? Grazie

  26. Fabrizio 16 marzo 2012 @ 23:28

    Vorrei stampare la ricetta come faccio sono rimasto affascinato da questa ricetta :razz:

  27. Fabio 16 marzo 2012 @ 23:44

    @Fabrizio Il tasto stampa è appena sopra i commenti, inoltre puoi salvare la ricetta anche in formato Pdf.

  28. Steve 19 marzo 2012 @ 12:02

    I pinoli!!! :evil:

  29. Gioia Orsini 19 gennaio 2013 @ 22:35

    Complimenti è la prima cosa che farò domani.
    Dopo vi farò sapere.

  30. Tiziana 21 gennaio 2013 @ 15:49

    … e la buccia d’arancia?

  31. I sognatori di Cucina e nuvole 22 gennaio 2013 @ 22:18

    Non le conoscevo!!! buone…

  32. Anna 27 gennaio 2013 @ 07:27

    Ricetta meravigliosa…

  33. RicettediAnna.it 5 febbraio 2013 @ 17:57

    Buone le frittelle, le ho provate anch’io! complimenti.

  34. Anna 6 febbraio 2013 @ 09:47

    E’ stato il mio primo approccio con le frittelle di riso dopo anni di acquisti in panificio… sono veramente fantastiche!!! E vengono esattamente come hai descritto, cremose e morbide!! Grazie e complimenti!! :)

  35. Marisella 7 marzo 2013 @ 17:54

    Ottime da provare al più presto.

  36. Giorgia 5 febbraio 2014 @ 10:52

    Questa ricetta mi sembra buonissima. Peccato però che il pdf sia SENZA FOTO!!!
    E’ un problema di download o ci mancano proprio? Io ho fatto copia-incolla dalla pagina del sito e poi l’ho sistemata con word, però poterla scaricare con le foto sarebbe molto più pratico.
    Grazie in ogni caso
    Giorgia

  37. Letizia 19 febbraio 2014 @ 12:18

    Io faccio queste frittelle da quando sono piccola con mia mamma oggi è la prima volta che le faccio da sola grazie per le dosi!!!
    Per il riso io ho sempre utilizzato l’arborio o il parboiled… buona giornata a tutti!!!

  38. Nita 27 febbraio 2014 @ 17:51

    ..anch’io sono di vicino Empoli… diventeremo tutte bravissime con le frittelle di riso!!!!
    grazie grazie mille!!!

  39. Sara 1 marzo 2014 @ 15:55

    anche io Toscana e amante di tutte le ricette della mia regione. Abito vicino Empoli anche io e nella mia zona c’è’ la schiacciata di pasqua super buona da inzuppare nel vin santo… Bellissimo il sito e bravissimi voi

  40. Barbara 5 marzo 2014 @ 13:12

    Ciao scusa una domanda la buccia grattugiata di arancia quando va messa???

  41. Barbara 21 marzo 2014 @ 12:38

    fatte e hanno avuto un successone… l’unico neo non ho messo la buccia di arancia… non sapevo quando metterla.

Lascia un commento

*

Torna su