Agrodolce

Ricetta Castagnaccio toscano

Ingredienti per circa 10/12 persone:

- 750 gr di farina di castagne

- 3 cucchiai d’olio

- 2 cucchiaini di sale

- 600 ml di latte

- acqua tiepida q.b.

- 50 gr di pinoli

- rosmarino

- uvetta (opzionale)

- noci (opzionali)

 

Preparazione: 

Mettere la farina di castagne a fontana in una ciotola

Aggiungere il sale e i 3 cucchiai di olio

Iniziare a mescolare con un mestolo di legno aggiungendo il latte a poco a poco

Continuare a mescolare aggiungendo il latte in modo da eliminare eventuali grumi di farina

fino ad ottenere un impasto fluido; se l’impasto risultasse ancora troppo denso, allungarlo con acqua tiepida

Quando l’impasto risulta liscio e fluido, aggiungere i pinoli  e l’uvetta (a me non piace… quindi ho aggiunto delle noci, che ci stanno sempre bene) all’impasto

Ungete la teglia (tonda o rettangolare, secondo preferenza) con olio extravergine di oliva, quindi versate l’impasto del castagnaccio

il castagnaccio deve risultare alto meno di 1 cm

Guarnire il castagnaccio con altri pinoli e rosmarino (uvetta e noci, secondo gradimento)

Versate un filo di olio

Ed ecco il nostro castagnaccio da infornare

Infornare a 180° per circa 30 minuti

Ed ecco il nostro castagnaccio… ehm.. ehm… già dimezzato..

Io l’ho servito nel piatto elegance quadrato in polpa di cellulosa con tovagliolo cioccolato della Ecobioshopping… per una tavola elegante, pratica ed ecologica!

Buon castagnaccio!!

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.1/5 (27 votes cast)
Ricetta Castagnaccio toscano , 3.1 out of 5 based on 27 ratings
Ricetta scritta da il 02/11/2008
Inserita nelle categorie
Tag: castagnaccio, castagnaccio toscano, farina di castagne, latte, noci, pinoli, ricetta castagnaccio classico, ricetta castagnaccio con foto, rosmarino
Castagnaccio
Ed è stata letta: 83.054 volte.
Stampa Stampa Ricetta in pdf con fotoScarica la ricetta

29 Risposte per Ricetta Castagnaccio toscano

  1. Patrizio 27 dicembre 2009 @ 19:56

    E’ il vero castagnaccio garfagnino!
    Giusto nel metodo e nelle spiegazioni.

  2. Dany – Ideericette 29 dicembre 2009 @ 14:46

    ;-) Grazie della conferma e torna a trovarci!

  3. Elisa 23 aprile 2010 @ 10:57

    Molto buono, io ho aggiunto un pò di olio prima della cottura.
    Bravi!!!!!!!

  4. Kindmoon 5 ottobre 2010 @ 14:17

    Ma esiste anche una versione dolce? A me così non piace…
    Quanto zucchero eventualmente andrebbe aggiunto? ;-)

  5. Dany – Ideericette 10 ottobre 2010 @ 17:01

    @ Elisa: sì sì… ottimo il filo di olio sopra prima di infornare… noi ci siamo dimenticati! :-)
    @ Kindmoon: questa è già la versione dolce visto che la farina di castagne è dolce… nel castagnaccio, nella versione tradizionale povera, non si aggiunge lo zucchero… poi se proprio vuoi aggiungerlo… direi non più di 100 gr di zucchero!!!

  6. Lucia 12 ottobre 2010 @ 11:53

    Favolosoooooo!!! Le ricette tipiche toscane mi fanno impazzire!!! Lo realizzerò di sicuro prima possibile. Grazie, tesoro! Ora concentrati sulla ribollita o ti ribollisco io! :mrgreen:

  7. Dany – Ideericette 16 ottobre 2010 @ 18:26

    @ Lucia: io e mamma non ci siamo dimenticate della ricetta della ribollita! Solo che… il cavolo nero per essere buono… deve prendere il freddo e ancora è presto!!! Però puoi contare sulle pessime previsioni del tempo di questi giorni… :mrgreen:

  8. Lulù 22 ottobre 2010 @ 22:18

    Io oltre a mettere il rosmarino sopra lo soffriggo anche in olio EVO e ci ungo la teglia molto buono, l’impasto lo faccio solo con latte e farina di castagne ma anche con acqua e farina molto spartano ma ottimo, poi chiaro sopra metto pinoli e noci.
    Adoro il castagnaccio e anche le frittelline con la ricotta gnam gnam gnam

  9. Dany – Ideericette 4 novembre 2010 @ 01:00

    @ Lulù: uhmm.. ottima idea quella di soffriggere il rosmarino nell’olio! Grazie del consiglio! E w la farina di castagne!!!

  10. Zucamed 19 novembre 2010 @ 11:15

    E’ la prima volta che eseguo questa ricetta. Dal momento che mi diletto a fare dolci ho aggiunto anche quattro cucchiai di zucchero.
    Ciao a tutti!

  11. Fabio 19 novembre 2010 @ 23:19

    @Zucamed No lo zucchero proprio no!!! :cry:
    La farina di castagne è già dolce di suo, hai stravolto la ricetta originale :???:
    Ma ormai che il danno è fatto, facci sapere il risultato del tuo pseudo castagnaccio :roll:

  12. Carola 20 novembre 2010 @ 18:58

    Le tue ricette sono piaciute anche ai miei figli.
    Vorrei un consiglio per fare dei biscotti facili facili ma non so quali…
    Se hai idee rispondi.
    Grazie!

  13. Zucamed 22 novembre 2010 @ 16:23

    Ciao Fabio. Il mio non è uno pseudo castagnaccio e non è stato fatto nessun danno. Sappi che mettendoci lo zucchero fa contrasto con il sale. Quindi, a chi lo ho fatto assaggiare è rimasto, come si suol dire “a bocca aperta”. O.K.?

  14. Dany – Ideericette 29 novembre 2010 @ 01:16

    @ Zucamed: io in genere sono abbastanza aperta agli esperimenti tuttavia in questo caso nutro qualche perlessità :shock: … ma non per l’aggiunta di zucchero in sè, quanto perchè parli del contrasto dolce/salato dovuto all’aggiunta di zucchero… se a te piace più dolce, ben venga, lo dico sempre, dei gusti non si discute… ma il contrasto dello zucchero con il sale non lo capisco visto che la farina di castagne è già dolce :roll: … ed il cucchiaino di sale nemmeno si sente già di base… se poi aggiungi altro zucchero non riesco a capire come possa essere esaltato questo contrasto che invece lo annulla totalmente!

    @ Carola: avevo provato a inviarti una mail in privato con alcuni consigli ma mi è tornata indietro la mail… :sad:

  15. Zucamed 23 dicembre 2010 @ 16:24

    Ciao Dany. Grazie per la tua critica costruttiva, ma devo dirti che la ricetta del castagnaccio da me eseguita non è stato un mio esperimento, ma l’ho letta proprio in questo sito.
    BUONE FESTE.

  16. Mario il toscanaccio 27 dicembre 2010 @ 19:05

    Il vero Migliaccio, così viene chiamato dalle nostre parti del Pratomagno (AR) il castagnaccio, si fa principalmente con l’acqua, il latte si può eventualmente aggiungere in minima quantità. La migliore farina dolce deve essere di colore brunito perchè solo questa è fatta con castagne scelte che sono messe per notti e giorni nei seccatoi ad affumicarsi, (in pochi lo fanno ancora) e successivamente macinate a pietra. La farina ottenuta sarà più gustosa e potrà essere utilizzata anche per buona parte dell’anno successivo. Per il resto tutto o.k. Con la stessa farina è molto gustosa la “pulenda” accompagnata da ricotta di pecora. Ma questa è un’altra ricetta.

  17. Dany – Ideericette 31 dicembre 2010 @ 01:34

    @ Zucamed: Buone feste anche a te!!!
    @ Mario: grazie per tutte le informazioni!!! Per la polenta con la farina di castagne… la gusto ogni anno a casa degli zii del mio fidanzato ma con lo squacquerone romagnolo!

  18. Zucamed 2 gennaio 2011 @ 10:54

    Ciao Dany. Grazie per gli auguri e contraccambio di cuore con un BUON 2011.

  19. Dany – Ideericette 3 gennaio 2011 @ 01:41

    @ Zucamed: (°_^)

  20. Carla 9 aprile 2011 @ 07:22

    Ottimo! Grazie.

  21. Cazular 15 novembre 2011 @ 13:05

    Il vero castagnaccio è Umbro e dissocio dalle imitazioni.

  22. Dany – Ideericette 21 novembre 2011 @ 23:00

    @ Carla: :mrgreen:
    @ Cazular: scusa se non raccolgo la provocazione… e comunque, se ti dissoci dalle imitazioni, che ci fai qui? ^_^ Questo è il castagnaccio fatto secondo la tradizione toscana che non è certo imitazione.

  23. Cazular 28 novembre 2011 @ 15:20

    Scusami Carla, ma ho voluto provocare, anche se simpaticamente, la reazione, pur sapendo che il castagnaccio non appartiene a noi umbri, ma nessuno vuole togliere niente alla Toscana. CIAO!

  24. Dany – Ideericette 1 dicembre 2011 @ 23:54

    @ Calzular: veramente io mi chiamo Daniela… :shock:

  25. ioana 21 dicembre 2011 @ 18:05

    Fatto stasera per la prima volta per mio marito che ne va matto :razz: ottimo.
    Grazie per la ricetta.

  26. Carlo 15 gennaio 2012 @ 17:57

    Ciao… mia nonna lo faceva anni anni fa, sento ancora il profumo, sabato prossimo al forno.
    Dove abito io, Città di Castello, si chiama BALDINO.
    Ciao buona ricetta

  27. lory b 18 ottobre 2012 @ 21:21

    Che buonoooooo!!!!!
    Tantissimo che non lo mangio!!!!
    Un abbraccio!!!

  28. I sognatori di Cucina e nuvole 19 ottobre 2012 @ 08:49

    Fra castagnaccio e pici non so cosa preferisco… facciamo tutti e due!

  29. Tamara Giorgetti 24 febbraio 2013 @ 10:29

    Fabio scusa se non sono venuta neppure a salutarti dopo il commento, ma era fino nello spam e solo oggi sono andata a vedere, il tuo castagnaccio è la tua versione, ed è giusto così, ognuno deve personalizzarsi le ricette, ci sono versioni con la ricotta addirittura, io ho fatto la versione classica, quella che poi facciamo in maremma da sempre, e questa con le noci la fanno nel pistoiese… comunque l’olio si mette alla fine non all’inizio.
    Un caro saluto.

Lascia un commento

*

Torna su