Agrodolce

Ricetta Carciofini sott’olio

Ingredienti per 3 vasetti:

– 3 kg di carciofini
– limone
– sale
– aceto bianco
– olio di semi di arachidi
– olio extravergine di oliva
– aglio
– alloro
– vasetti sterilizzati

Preparazione:

Siete pronti con vostri carciofini che sembrano tantissimi? Guardateli bene… perchè diventeranno nulla!! Ed indossate subito i guanti, se non volete le mani nere!!!!

Pulire i carciofini eliminando tutte le foglie esterne più scure fino a trovare quelle chiare e tenere

Tagliate quindi le foglie del carciofo a metà altezza, rimuovete anche i gambi ed eliminate la parte esterna più dura alla base del carciofo stesso in modo da lasciare solo i cuori più morbidi e prelibati;

metteteli subito in una ciotola con acqua, succo di limone e un po’ di sale per circa 1 ora (altrimenti diventa subito nero!)

Trascorso questo tempo, in una pentola versate mezza bottiglia di aceto; quando l’aceto bolle fate scottare i carciofini per 4 minuti (noi li abbiamo scottati in 2 volte)

Quindi metteteli in un colino a raffreddare ed asciugare per diverse ore (anche 8-10), in alternativa potete metterli ad asciugare in un panno asciutto e pulito

Preparate quindi i vasetti con la foglia di alloro e l’aglio a pezzetti e riempite con i carciofini

Coprite interamente con olio di semi e olio d’oliva in parti uguali (o in proporzioni secondo vostro gradimento)

Non vi fanno già gola?

Chiudete i barattoli e resistete almeno 20 giorni prima di assaggiarli… dategli il tempo di insaporirsi!

Resistete resistete…

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.9/5 (49 votes cast)
Ricetta Carciofini sott'olio, 3.9 out of 5 based on 49 ratings
Ricetta scritta da il 13/04/2010
Inserita nelle categorie
Tag: aceto, aglio, alloro, carciofini, olio, ricetta carciofini sott'olio con foto passo passo, ricette di cucina con foto
Inquadratura vasetti di carciofini
Ed è stata letta: 170.687 volte.
Stampa Stampa Ricetta in pdf con fotoScarica la ricetta

39 Risposte per Ricetta Carciofini sott’olio

  1. zsazsa 13 aprile 2010 @ 23:25

    Anche io li ho fatti la scorsa settimana… uhmmmmmmmm… che buoni…. io però all’acqua e limone ci aggiungo un po’ di farina per renderli ancora più chiari; all’aceto ci aggiungo il vino bianco; e nel vasetto aggiungo aglio, sedano e prezzemolo. Non ho mai provato con l’alloro… Sarà per la prossima voltaaaaaaaaa!!!!! :lol:

  2. Elisabetta Mezzatesta 14 aprile 2010 @ 14:17

    Io ho fatto 15 Kg. ho usato aceto e vino bianco 50/50.
    Preferisco usare olio d’oliva e nel vasetto aggiungo peperoncino secco sbriciolato.
    Davvero buoni :-D

  3. Laura Ivana 9 novembre 2010 @ 14:28

    Volevo sapere se una volta chiusi i vasi devo metterli a bollire perchè si conservino meglio.
    Ciao grazie

  4. Dany – Ideericette 11 novembre 2010 @ 00:31

    @ Laura: sì, vanno bolliti se devi conservarli!!! Noi ne abbiamo ottenuti appena 3 vasetti :sad: che abbiamo consumato in breve tempo :mrgreen: quindi abbiamo sterilizzato i vasetti prima dell’uso ma non abbiamo bollito il tutto dopo…

  5. Laura 19 gennaio 2011 @ 16:46

    Ciao,
    io oltre all’aceto aggiungo vino bianco e un pò d’acqua. Preparo in una garzina dei chiodi di garofano, bacche di ginepro, un rametto di rosmarino e uno di ginepro fresco, grani di pepe nero.
    Chiudo con un laccetto e metto a bollire insieme ai carciofini tagliati e spaccati in quartini.
    Il bouquet saporito è garantito…
    Bacissimi a tutte…

  6. Dany – Ideericette 26 febbraio 2011 @ 18:10

    @ Laura: grazie del consiglio… così devono risultare ancora più saporiti e aromatici! Proverò alla prossima mandata di carciofini!

  7. Bruna 31 marzo 2011 @ 17:34

    Non vedo l’ora di farli!!! Sono una di bocca buona… e questi sembrano proprio buoniii!!! :mrgreen: :mrgreen:

  8. Cristina 5 aprile 2011 @ 14:28

    Ne ho comprati appena 2 chili ora vado a farli ma sicuramente ne farò altri, viste le invitanti foto.

  9. Antonello 8 aprile 2011 @ 14:53

    Appena comperati e vado a farli. Sono amante della cucina.
    Di solito sono molto buoni, speriamo.
    Ciao a tutti. :razz: :razz:

  10. Donato 15 aprile 2011 @ 08:41

    Complimenti sono buoni, perché i mie dopo quattro giorni alcuni sono diventati molli con del bianco, eppure o seguito la tua procedura. Grazie :cry:

    Ps: Chiedo scusa per alcune errori sono italo brasileiro.

  11. Vincenzo 26 aprile 2011 @ 17:15

    Grazie mille sono buonissimi e sono riuscito a resistere per miracolo :smile: ;-)

  12. M.Grazia 3 maggio 2011 @ 19:25

    :mrgreen: Care donne le vostre ricette sono tutte appetitose, non posso fare a meno di lasciarvi la mia ricetta: Aceto bianco, vino bianco, aglio giovane, pepe nero in grani e chiodi di garofano, olio per coprire. :mrgreen:
    Buon appetito!

  13. Dany – Ideericette 4 maggio 2011 @ 13:58

    Grazie a tutti dei commenti e delle condivisioni!!
    @ Donato: sembrerebbero cotti troppo. In pratica fai bollire l’aceto e butti i carciofini che non inizieranno subito a bollire perchè la temperatura dell’aceto si è abbassata nel frattempo; io ho scritto “quando l’aceto bolle fate scottare i carciofini per 4 minuti ” (e non bollire) perchè di questi 4 minuti circa 2 serviranno per riprendere il bollore e altri 2 di bollitura vera e propria… in pratica li bolli solo 2 minuti. Ovvio che dipende anche da quanti carciofini butti in pentola, se ne butti 5 o 30 il tempo che impiegherà l’aceto per riprendere l’ebollizione è ben diverso e influirà sula “cottura” del carciofino che deve comunque rimanere duretto! Se è già troppo cotto poi si spappola! Spero di averti chiarito!

  14. Serafino 7 maggio 2011 @ 07:51

    Ieri, con mia moglie abbiamo provato la ricetta e sembra con ottimi risultati. Ammesso che riusciamo a resistere 20 giorni, per quanto tempo poi possiamo conservarli?
    Grazie

  15. Francesco 7 maggio 2011 @ 19:49

    Ho seguito la procedura, domani mattina li mettero’ nel barattolo di vetro con aglio tagliato a fettine peperoncino alloro ed un po di sale, dopo cio’ li controllero’ tutti i giorni aspettando con ansia i fatidici 20 giorni, poi avrete i miei commenti. :razz:

  16. Francesc 21 maggio 2011 @ 16:19

    Carciofini in pinzimonio.
    Io invece utiizzo un’altra ricetta: Dopo un paio d’ore lasciati in acqua limone e sale, li metto in un contenitore con prezzemolo, aglio intero schiacciato, tagliati a striscioline, ricoperti di olio con molto succo di limone.
    Durano in frigorifero anche una settimana se non più.

  17. Sara 29 maggio 2011 @ 22:18

    Ciao, ho fatto oggi i carciofi come hai spiegato, volevo solo sapere se è possibile consumarli dopo 3 o 4 mesi, perché o fatto 7 barattoli, quindi non possiamo mangiarli tutti dopo 20 giorni.
    Grazie ;-)

  18. Viola 2 giugno 2011 @ 00:13

    Ciao i carciofini sono super buonissimi anche io li faccio e vengono buoni con questa ricetta. Mmm buoniii…
    Però in casa durano troppo poco perché tutti li mangiano subito, non ci resiste nessuno alla tentazione di questi carciofini.
    Buonanotte a tutti. Kiss ;-) :lol: :oops:

  19. Dany – Ideericette 4 giugno 2011 @ 00:23

    @ Serafino e moglie: se non li sterilizzate e bollite.. meglio consumarli entro 2/3 mesi.. possibilmente teneteli in un luogo fresco (es. cantina) e quando li aprite, tenete il vasetto in frigo…
    @ Francesco:a dire il vero noi li mangiamo anche dopo 5 giorni/1 settimana!!! ^_^
    @ Francesc: carina l’idea dei carciofi in pinzimonio! Voglio provarla!!!
    @ Sara: sì, puoi mangiarli anche dopo 3/4 mesi ma devi tenerli al fresco… arriva l’estate ed il rischio è che si sciupino con l’afa!!!
    @ Viola: anche da noi durano poco, troppo poco!!! Sarà per quello che non si sono mai sciupati? ^_^

  20. Maria Teresa 2 marzo 2012 @ 11:02

    Io ho un altra variante: pulire i carciofi e metterli in acqua e limone. Lavarli e bollirli in acqua, aceto, sale, un paio di limoni tagliati a fette, l’aglio e menta. Dopo un bollore metterli nel colapasta. Lasciarli asciugare su un canovaccio e dopo sistemarli in boccacci con olio d’oliva. :lol:

    … e’ la prima volta che scrivo una ricetta.

  21. Mariangela 5 marzo 2012 @ 16:34

    Li ho fatti poco fa, ora sono a scolare, io nei vasetti ci metto aglio e menta fresca, sono buonissimissimi. MARIANGELA :smile:

  22. Elissa 17 marzo 2012 @ 15:41

    Ciao, sembrano davvero buoni, ma vorrei chiederti se è possibilie la ricetta per qualcos’altro sottolio, tipo:funghi, peperoni rossi…
    Grazie

  23. Pietro 18 marzo 2012 @ 19:25

    Sono ottimi io ne faccio almeno 2o chili l’anno solo con aceto, vino bianco, alloro e grani di pepe nei vasetti si mantengono anche 18 mesi, ma bisogna resistere. :twisted:

  24. Paola 18 aprile 2012 @ 10:43

    Non li ho mai fatti, ho appena letto la ricetta e le varianti, presto mi metterò all’opera poi vi farò sapere il risultato, sembrano moooolto invitanti :lol: però non ho capito bene una cosa, vanno messi a bollire nell’aceto con l’acqua dove sono stati messi a mollo per non farli annerire o va buttata?
    Un bacione a tutte!

  25. Santo 18 aprile 2012 @ 19:35

    :x Vorrei sapere come mi devo regolare con la quantità di aceto, per il resto e chiaro.

  26. Claudia 27 aprile 2012 @ 17:17

    Ho comprato una bottiglia di aceto bianco da un litro è sufficiente? è troppo? grazie per la risposta, possibilmente urgente!!! ciao

  27. Elena 1 maggio 2012 @ 10:10

    Io ho messo la menta romana al posto dell’alloro… vi farò sapere…

  28. Nunzia 2 maggio 2012 @ 20:17

    Ciao, ho fatti i carciofini seguendo questa ricetta 4 giorni fa è la mia prima conserva, poi ho visto che c’erano 2 o 3 bolle nel vaso allora per paura ho apero ho fatto fuoriuscire le bolle e chiuso di nuovo.
    Ho sbagliato? ora devo consumarli subito? ne ho anche assaggiato uno ed era buono, bello sodo solo si sentiva un pò l’aceto ma credo si devano insaporire ancora un po.
    Ciaoo

  29. Lisa 6 maggio 2012 @ 10:03

    ciao a tutti !!! è vero che se conservo i carciofi nell’acqua di cottura quando ancora è calda e chiudo ermeticamente si conservano meglio?
    Io ho già provato e i risultati mi sembrano buoni.
    Naturalmente quando decido di mangiarli apro e li condisco con olio.
    Aspetto una risposta.
    Ciao ciao :idea:

  30. Gigliola Valiani 14 maggio 2012 @ 14:16

    Premetto che io non sono espertissima nel fare i carciofini sott’olio e mi fa vergogna dato che il bisnonno di mio marito, Angiolo Valiani, ne è considerato l’inventore. Il figlio, davanti a un prete costernato che si voleva opporre fu chiamato Carciofino; a giustificazione di questa scelta: “Voi avete un papa con il nome di una belva (Leone 13°), io posso avere un figlio con il nome di una pianta”
    Comunque consiglio di farli asciugare molto bene una volta scolati perchè un residuo di liquido può danneggiarli e comprometterne la conservazione.

  31. Angela 14 maggio 2012 @ 17:04

    Io i carciofini sott’olio li faccio bollire in 3/4 di aceto bianco + 1/4 di vino bianco e dopo la ripreesa della bollitura per 2 minuti. Però vorrei chiedere a chi ne sa più di me, perchè dopo averli fatti asciugare per almeno 24 ore su un canovaccio e tagliandoli a metà per sistemarli bene nei vasetti quasi tutti erano diventati neri dentro. Li ho invasati ugualmente, perchè penso che non facciano male,e li mangerò più avanti. Avete qualche suggerimento da darmi?

  32. Monica 27 giugno 2012 @ 10:39

    Ho provato la ricetta mi sono venuti benissimo

  33. Nicoletta 19 agosto 2012 @ 13:19

    Sono spettacolari, ho iniziato quest’anno a farli con mia mamma, perche’ devo raccogliere l’eredita’ di tutte le cose buone che fa’…. ;-)

  34. Laura in Cucina 7 aprile 2013 @ 18:54

    Ciao oggi ho provato a fare i tuoi carciofini… ma ora stò vedendo che li ho fatti scolare e stanno diventando tutti rosa nelle foglie pur avendo messo l’aceto bianco!! ti è mai successo?
    Saluti cari e grazie
    Laura

  35. Laura 20 aprile 2013 @ 20:06

    Salve, ho seguito la vostra ricetta ma, assaggiando i carciofini, mi sono accorta che all’interno sono tutti neri e che sono buoni di sapore solo nella parte esterna! secondo voi posso aver sbagliato qualcosa nel procedimento oppure i carciofini non erano buoni già in partenza (ad esempio vecchi) ?

  36. Doina 11 maggio 2013 @ 09:42

    Ciao, vorrei sapere, per quanto tempo si fanno sterilizzare baratoli con carciofini sott’olio ? Grazie e buona giornata a tutti voi ! Doina

  37. Paolo 30 giugno 2013 @ 12:44

    Mettendoli nei vasetti ancora bollenti dopo avere scolato l’aceto e riempito il vasetto di olio, raffreddandosi fa il sottovuoto e mantengono ancora di più.

  38. Sonia 29 aprile 2014 @ 17:33

    Ciao, per la prima volta ho provato a fare i carciofini. Al momento di invasarli dopo averli lasciati ad asciugare per 10 ore su un canovaccio, mi sono accorta che l’interno era nero. Penso d’aver utilizzato poco limone in fase di preparazione, ma ora mi chiedevo se erano ugualmente buoni da mangiare. A qualcuno è già successo o sa rispondermi? grazie!

  39. M. Rita 21 maggio 2014 @ 18:54

    Io uso vino bianco e aceto. Lascio l’ultima corona di foglie e la punta del carciofino che le tolgo solo al momento di invasare. Questo fa sì che rimangano chiari. Li sterilizzo sempre.

Lascia un commento

*

Torna su